Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Michele Varotto

Da Brugine (PD)

Luciano Tajoli

Quatro Ciàcoe
Quatro Ciàcoe
Quatro Ciàcoe
Luciano Tajoli gavarìa conpìo sto ano 100 ani e me fa piassere de mensionarlo, parché penso che i xe tanti coéi che ’ncora i lo ricorda. De serto, el xe stà uno de i pi famosi protagonisti ne eà storia de ’a canson italiana e uno de i cantanti pi popoari, contando on nùmaro de amiratori incredìbie, nonostante eà tanta “concorensa” che ghe girava ’torno: bastava nominare Giorgio Consolini, Achille Togliani, Gino Latilla e el pi famoso Claudio Villa che cantava co’ on tinbro de vose che ghe somejava a lu, deventando l’aversario pi temìbie.
Luciano Tajoli jera nato a Milan el 17 aprìe 1920 da na fameja poareta. Da pìcoo el xe stà colpìo da la poliomelite, toéndoghe ’e funsion de le ganbe, e par coesto el gaveva inparà el mestiere de scarparo, parché el ghe parmetéa de laorare stando sentà. Fin da pìcoo tuti i gaveva notà che sto bocia cantava co na vose che incantava, che ’l tanto che so popà, fin da coando el gaveva coatro ani, el lo portava a cantare non sóo in parochia ma anca par ’e ostarìe.
A 19 ani, nel 1939, el se ga presentà a on concorso par dietanti al Teatro Odeon di Milan, vegnendo fora da trionfatore. Nonostante no ’l gavesse mai studià né canto e né musica, da coel momento el ga scominsià eà so ’ventura musicàe, no conossendo pi nissun ostàcoo: dischi, radio, serate ne i mèjo teatri del mondo, tournée, e anca protagonista de tanti film musicài.
Nonostante eà disabiità, l’è deventà el divo par eceènza de la canson italiana, no sóo in Italia, ma anca a l’estero e, par coesto, el vegnarà nominà anbassiatore de eà canson italiana nel mondo. Ne l’arco de la so cariera el ga vendùo in tuto el mondo ben 45 milioni de dischi.
Tajoli se xe sposà nel 1943 co’ Lina Agnesi.
A sto punto, me preme contare on fato incredìbie. Tajoli, ne la so longa cariera, no el xe mai ’ndà in teevision. A dire eà verità, el ghe xe ’ndà dó volte, ma sóo a la fine de eà so cariera. Anca se el jera on gran artista, el xe stà vìtima de na discriminassion vergognosa.
Tuti savemo che nel 1951, xe inissià na rassegna musicàe italiana, deventà eà pi famosa vetrina de ’a canson italiana: el “Festival de Sanremo” e i inpresari de Tajoli, ne i primi ani, no’ i la gaveva ciapà in considerazion parché el cantante jera senpre pien de inpegni. Ma ne i ani entranti, coel “Festival” jera deventà massa inportante par no partecipare, tanto pi che el vegnéa trasmesso in teevision. Cussì i inpresari de Tajoli i lo ga convinto de ’ndarghe. Sto Festival el jera rivà a la quinta edission e sarìa stà na bea ocasion par farlo védare in teevision. Presentà eà domanda, la diression la ga bocià. Dimandando na spiegassion, dopo coalche tenpo, xe rivà na létara uficiàe da parte de la Direzion generàe de la RAI: “Tajoli è handicappato, zoppica e non è edificante mostrarlo in televisione.”
Sarà Tajoli stesso a dirlo, so na intervista del 1971: “Quando lessi quella lettera provai un gran dolore. Neanche quando ero un ragazzo povero e affamato, senza soldi, senza lavoro, paralizzato, mi sentii così triste. Pensai di allontanarmi da tutti, non cantare più. Quella lettera mi fece odiare perfino la mia patria. Dopo alcuni giorni, però, mi sono calmato e ho cominciato a ragionare. Le televisioni di tutto il mondo non avevano mai sollevato obiezioni sulle mie condizioni fisiche. A Cuba e in Venezuela, la televisione aveva trasmesso interi cicli di miei spettacoli che andavano in onda per 10-15 sere di fila. Negli Stati Uniti, ero stato per molto tempo una specie di mito, partecipando non solo a molte trasmissioni televisive, ma mi avevano presentato alla gente come un esempio da seguire per il coraggio e la forza morale che avevo mostrato nella mia vita. Infatti, nonostante la gravissima malattia che mi aveva colpito fin da bambino, ero riuscito a diventare un cantante di fama mondiale. Anche in Canada, in Argentina, in Brasile, in Australia, in Germania e in Francia avevo partecipato a molti programmi televisivi e nessuno aveva mai accennato alla mia menomazione fisica, che poi mi aveva colpito solo le gambe e non il resto. In Giappone sono stato l'unico italiano a partecipare a una trasmissione a colori, riservata solo alle grandissime vedette. Dopo queste riflessioni, dissi a me stesso che il giudizio di un dirigente della televisione italiana valeva ben poco di fronte alle testimonianze di simpatia e di ammirazione che avevo avuto in tutto il mondo. Ripresi la mia tranquillità sperando che un giorno le cose potessero cambiare. E siccome quel veto mi vietava di essere presente anche in radio. Solo nel 1970, dopo incredibili insistenze, riuscii a ottenere un programma radiofonico intitolato Appuntamento con Luciano Tajoli, ma sborsando di tasca mia un milione e mezzo di lire.”
Luciano Tajoli el cantarà finalmente par eà prima volta a Sanremo nel 1961, vinsendo co’ la canson Al di là in copia con Betty Curtis, e dopo anca nel 1962, 1963 e 1970. Tajoli el xe morto a Merate (Lecco) nel 1996 a 76 ani.


[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Podaremo mai èssare felici?
Tuti se ghemo fato sta domanda davanti a giornate inturbià, a situazion che no promete gnente de bon o a incidenti de percorso. In ogni caso la sarà dura, ma no inpossìbile. Èssare felici vol dire avere speranza có ghe xe da conbàtare, sentirse forte davanti a la paura, saver perdonare, non coltivare ràdeghi e amare. Amare senpre!
de Mario Sileno Klein
 
El filò de i Wigwam
Leggi l'articolo Mirka Cameran Schweiger
Siora del vin, de i giornaisti e de i… galeoti
de Efrem Tassinato
 
Da Brugine (PD)
Leggi l'articolo Luciano Tajoli
de Michele Varotto
 
Da Mestre-Venezia
Leggi l'articolo El bagolaro e la bagolina
de Annalisa Pasqualetto Brugin
 
Da Venezia
Leggi l'articolo Archivio de Stato
de Armando Mondin
 
Da la Bassa Veronese
Leggi l'articolo Al tenpo de i papàvari…
de Lucia Beltrame Menini