Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Giuseppe Segalla

Da Lugo de Vicensa

Ricordi de scola

Quatro Ciàcoe
Quatro Ciàcoe
Quatro Ciàcoe
Quatro Ciàcoe
Quatro Ciàcoe
Quatro Ciàcoe
Intorno a i ani Sessanta, da zóvane maestro, me son trovà par man on libro che podeva darme qualche drita so ’l modo de portar ’vanti la scola. Se trata de "Ricordi di scuola" de Giovanni Mosca (1908-1983). Se no me gavesse robà la parola el Pindemonte, gavarìa definìo Mosca "uom di multiforme ingegno": maestro, giornalista, umorista, disegnatore, scritore anca de testi teatrali, critico de teatro e de cinema, fondatore de "Candido" con Giovannino Guareschi, e grande firma del "Corriere della Sera".
Ghin sarìa da contare fin doman so le so vignete fulminanti, so ’l so viajare fora da la realtà come se ’l caminasse par tera o sora l'aqua al modo de Cristo... Tanto par dire, ricordo che ’l "Corriere della Sera" ’l mandava al seguito del Giro d'Italia, oltre che on giornalista sportivo, anca on scritore par fare na crònaca... "de colore". In sto ruolo se ga alternà grosse firme del giornalismo e de la cultura. Tra i tanti trovo i nomi de Vergani, Montanelli, Brera, Raschi... e apunto el nostro Giovanni Mosca.
Par dire de la so fantasia, del so caminare qualche metro sora la tera, ricordo el so comento a na tapa del Giro che la finiva in montagna, davanti a on santuario de la Madona.
Ga vinto on scalatore che nessuni se aspetava; no on grande atleta, ma sicuramente na pasta de omo. Tuto sènplice par Mosca: gera stà la Madona a strassinarlo sù co na corda invisibile in premio de la so bontà. Ogni tanto uno de i me professori me diseva:
"Ragazzo, tu confondi mito, leggenda e realtà!"
Ma so ’l caso del coridore apena ricordà son sicuro: la gera realtà e credo che anca voaltri si d'acordo.
Qua porto in canpo Guareschi par via de "Ricordi di scuola". Maestro de vinti ani, Mosca se presenta al Diretore Didatico co la létera de nòmina a "maestro provisorio", el so primo incàrico. Come che ’l lo vede, al Diretore che conosséa la situassion de la classe Vª C, fata da quaranta diavoli scaenà, ghe scapa da dire:
"Ma cossa fai in Proveditorato? Qua me serve on omo e i me manda on tosatelo! Che Dio ce la mandi buona!..." E, vardando con conpassion el zóvane Mosca:
"Ah, se tu avessi almeno i baffi!..." Dopo ’verlo conpagnà davanti a la porta de la classe, el Diretore fila via direto par no védare e no sentire.
Verzendo la porta de la classe, so la testa del nostro balava ogni sorta de pensieri parché se sentiva che dentro tirava arie de borasca. I oci, i pensieri e i urli de i scolari infati in chel mentre i stava inseguendo on moscon che faséa gincane dapartuto.
Colpo de genio: el maestro se infila tra i déi on asticheto, el ghe sormonta na baleta de carta ciucià quel che basta e, colpo de c..., el centra el moscon! Conquistà la classe, l'indomabile Vª C!
El libro conta tante altre storie che incanta, tipo quela del poro Martinelli che, vegnendo a scola, el caminava pian parché no ghe cascasse da la memoria i verbi iregolari che ’l gavéa fato fadiga a picarghe sù.
E la storia de on toseto che in piena primavera, invesse de ’ndare a scola, l'è ’ndà in volta a prà e a buschi incantà da i fiuri e dal canto de i oseliti, quéi veri, no quei che sta rento su i libri parché quéi, come che dise Meneghello, no i canta e no i zola... i xe praticamente morti. El toseto giustìfica l'assensa co ’l fato che so mama staséa poco ben e ghe paréa giusto restare a farghe conpagnìa. "Bravo!" ghe ga fato el maestro, anca se ’l savéa benissimo che la verità la abitava so n'altra strada.
Nel libro te trovi, da parte de Mosca, la messa in ridìcolo de tuti i programi che stava fora da la vita e da le esperiense de i scolari, come par esenpio serti problemi de arimètica assurdi come quelo che domandava de calcolare quante piastrele che serve par covèrzare la cùpola de Santa Maria del Fiore!... Irònico alora, Mosca, ne i confronti de i contenuti scolastici gunfi de robe astrate, distanti da la realtà e da le esperiense de i scolari, ma càrico de umanità e conprension ne i raporti co i scolari, portatori de problemi e intaressi che tante volte i grandi ga vìo el tenpo de desmentegare.
Mi che no so' bon de becare al volo i moscuni co la fionda, qualche classe la go caturà disegnando su la lavagna on cigno o ’l cerchio de Gioto in dó secundi e, in cortile, fasendo diventar mati i tusi, inventando acrobassìe co ’l balon. Che decadensa rispeto al colpo co ’l quale Mosca ga stencà... ’l moscon!


[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Semo nel “tenpo sospeso”
Semo ne la fase del “dopo” coronavirus o del “prima” de quela che tuti ga paura che la sia del “nuovo” coronavirus? Forse xe ’ncora presto par dirlo, ma intanto, cossa ghemo fato in sti mesi de “calda estate”? Vardando zerte feste e zerte spiaje… semo tornà a le nostre comodità. Cossa sucedarà?
de Mario Sileno Klein
 
Zente de Padova
Leggi l'articolo Sibilla de’ Cetto
de Arturo Baggio
 
Da l’Alta Padovana
Leggi l'articolo Ciàcoe a spalio, vendemando
de Luigi A. Zorzi
 
Da Adria (RO)
Leggi l'articolo Restare a piè descalsi
de Sergio Bedetti
 
Da Lugo de Vicensa
Leggi l'articolo Ricordi de scola
de Giuseppe Segalla
 
Da San Stèfano de Zimela (VR)
Leggi l'articolo Pori albari
de Antonio Corain