Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Luigi Perini

Storia materna, in triestin

El porto de Trieste

Maria Teresa d'Asburgo, Inperatrice d'Austria (1717-1780).
Maria Teresa d'Asburgo, Inperatrice d'Austria (1717-1780).
El 19 agosto 1702, al tempo de quela che vegnerà ciamada la guera de sucession spagnola (durada trèdise ani, có squasi tuti i Paesi europèi se ga messo contro el prepotente re de Francia, Luigi XIV), la flota francese bombarda Trieste e per qualche tempo la bloca el porto che jera soto el controlo de i austrìaci de l’imperator romano-tedesco Leopoldo I che no el gaveva tanta voja de starghe drio a ’na polìtica in te l’Adriatico, anca se el momento jera bon, perché Venezia se gaveva dichiarada neutrale.
La cità de Trieste xe poco svilupada, serada drento le mura, e el comercio maritimo xe ancora poca roba. Però el sucessor, l’imperator Carlo VI, el meti le basi per quela che sarà la formazion e la crèssita de l’emporio triestin; prima de tuto le legi e i controlori per farle rispetar: nel 1717 el istituissi la "Patente de libera navigazion in Adriatico" e do ani dopo la "Patente del 18 marzo 1719" che istituissi el Portofranco a Trieste e a Fiume, confermada nel 1725. Sempre nel 1719 el sburta perché se formi la "Compagnia Orientale per trafficare col Levante" e cussì l’invita a vegnir in cità quei comercianti za giudicadi per motivi penali; pian pian el ghe porta via de le fete de potere al Comune, proclamando "L’Editto di Cambio" (1722) e istituendo l’ano dopo el Tribunal Mercantil per tute le robe che riguardava el comercio.
La cità sta per espànderse indove ghe jera le saline, che in parte le vien interade, tirando via la tera da la colina del cimiterio de i ebrei, anca se i se devi fermar pe ’l perìcolo de frane; l’imperator fa che i novi spazi fora de Porta Riborgo i sia soto l’autorità de un "Distretto Camerale" e no più del giudice comunale. Oltre che la cura rivolta a le strade, vece o nove, e a stabilir nove fiere, Carlo VI vol che in Campo Marzio, fora de la cità, se fazzi un lazareto. Le istituzioni de Carlo VI no le vien ben acetade da la classe de i patrizi che operava in t’i òrgani comunali e che nel su "conservatorismo" la vedeva solo el diminuir de el su potere.
Co queste premesse se verzi nel 1740 el regno de Maria Teresa, fìa del precedente imperator, assai impegnada in t’i primi diese ani a tegnir insieme co continue guere i teritori de la dinastìa asburgica: Maria Teresa la ga sentido el bisogno de acentrar i poteri de governo e giudiziari, che nel medioevo i aparteneva ai feudatari o a le sìngole cità, come a Trieste, anzi specialmente a Trieste, indove el Comune jera restado ancora quel de l’età de mezzo. L’imperatrice ga larghe vedute: vien promulgadi novi còdici, rivisto el catasto, metendo tute le proprietà nel sistema "tavolare"; ancora prima, la zona franca vien estesa anca fora de le mura; nel 1748 vien costituida la "Provincia Mercantile del Litorale", tute le mura medievali vien abatude e se scominzia a scavar el Canal Grande e su le saline imbonide vien costruido quel che ancora adesso se ciama Borgo Teresiano. Fin un zerto grado le scole le diventa obligatorie e nassi in te ’l 1753 la "Scuola Nautica" che "ancora vive e opera nell’ambiente culturale triestino", come disi Ugo Cova, dir. de l’Archivio de Stato de Trieste nel su libro "Commercio e navigazione a Trieste e nella monarchìa asburgica da Maria Teresa al 1915", (Dal Bianco ed.,1992, p.23,) el qual parla de un "colossale quadro di rinnovamento della vita sociale, civile ed economica" in època teresiana co le "cesaree-regie (c.r.) Risoluzioni sovrane", specialmente quela del 1774 (Editto politico di navigazione mercantile) che xe stada la lege fondamentale de la marina austrìaca e ancora prima, nel 1755, la Risoluzione che istituiva la Borsa mercantile triestina, ’sai importante per el svilupo comerciale de la cità.
Ghe xe ancora un altro aspeto, che ’desso ricordemo brevemente, quel de la lingua. Scrivi el prof. Aldo Stella in "Trento, Bressanone, Trieste, sette secoli di autonomia ai confini d’Italia" (Utet, 1987), che intanto che la cità se ingrandiva co l’arivo de i tedeschi e de i slavi del retrotera, la continuava a gaver el su caràtere italian, perché i novi arivài i usa la "lingua cosmopolitica", nonostante che el governo gaverìa volesto che se parlassi tedesco in tute le scole (cfr. p.148). El fìo de Maria Teresa, l’imperator Giuseppe II, ga volesto strafar, nel tentativo de voler el tedesco anca ne i tribunài, per fortuna el sucessor Leopoldo II ga acetà le proteste del Comun e el ga revocado el decreto giusepino del 1786.

[torna sopra]

 

Archivio
2021 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Massa ciàcole in piaza...
La proposta de lege ’pena aprovà dal Consiglio Regionale del Veneto la xe na roba seria e inportante, ma se ga l’inpression che su la carezà del dialeto sia spanìo on futìo de papàvari che fa bela vista... e basta!
de Mario Klein
 
Zente de Padova
Leggi l'articolo Giorgio Abetti
de Arturo Baggio
 
La nostra gente
Leggi l'articolo Loretta, na "Mama del cuore"
de Maria Luisa Furin Zilio
 
Pensieri noturni, in dialeto de la Bassa Padovana
Leggi l'articolo Sinfonìe ’nte ’l buso del seciaro
de Marcello Lazzarin
 
Storia materna, in triestin
Leggi l'articolo El porto de Trieste
de Luigi Perini
 
Cultura visentina
Leggi l'articolo La Beata Giovanna Bonomo
La vita de la mònaga bassanese, nata 400 ani fà, ga ispirà na mostra a Palasso Bonaguro, che xe verta fin el 10 giugno pròssimo
de Giordano Dellai
 
Da Ìsola Vicentina (VI)
Leggi l'articolo On gireto a Pòsina
de Gianni Fioretto