Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Maria Damonte

Da Maran Lagunare (UD)

Ciàcare de comari

(Disegno de Marina Corso)
(Disegno de Marina Corso)
La Catarina e la Varginia, do comari maranesi, gera un bel poco de tenpo che no le se vedeva. Un zorno le se trova fora de la botega del pan e... – Come stè, comare? – la ghe disi la Catarina a la Varginia. – Cossa go de dive, - la ghe rispundi ela – no stago come che volarissi sta; xe un poco de tenpo che me fa mal ‘naltra volta el stomego. L’altro zorno son ‘ndada dal dotor, el me ga dò de le bustine bianche che me par de beve aranciata, ste qua le dovarissi guarime la castrite: che sia vero?
– Comare, savè ben "Che‘l dotor in midisina, el xe bravo cò l’indovina" – la comenta la Catarina che la gera apassionada de proverbi.
– Xe vero, orpo se xe vero, comare, e pensà che cò vévomo un grumo de ani de manco, gerévomo come gardelini; se vévomo un disturbo, basteva ciò ‘na onsa de ojo de rìssino, e fa un bagno de aqua salada maranese, se vévomo doluri ai pie, e duto ‘ndeva a posto.
– Se vè rassegnò a la morte de me conpare Anzolo? – la ghe domanda la Catarina, tanto par ganbià discorso.
– Eh nò, la xe dura de ‘bituasse a vive sensa conpagnìa, ‘desso che ghe ne vemo senpre una, quando che no ghe ne vemo do, se fa fadiga, e po’ giovara un mal de note a no vè nissun vissin no xe tanto de sta alegri; se no vien a trovame qualchidùn le zornàe le xe longhe, a volte me vien de dì come quela dona furlana: "Tant da fa, no ven mai sere".
Sta frase ridìcola a dute do la ghe ga fato scanpà de ride.
– Pensè – la continua la Varginia – che dal dotor gera ‘na dona queta, queta, pareva che la stissi a sintì de cossa che se parleva. Cò xe rivò el so turno de entrà in anbulatorio, vedendo che no la se moveva, quel omo che’l gera prima de ela el ghe disi: "Agna, se vu...". "El vaga pur drento elo, benedeto – la ghe ga risposto sta dona – mi son sola e vegno dal dotor sol par sta in conpagnìa". Cò vemo sintìo ste parole, comare, semo restài duti de stuco. Eco cossa che se pol fa cò se xe sui.
– A proposito e vu come stè? – la ghe domanda sta volta la Varginia a la Catarina. – Come go de sta comare, co duta la piovassa che xe vignùa xo st’inverno, me par de vè i ossi marsi.
– E i oci, coi oci come stè?
– Forsi no vè savesto che do misi fa son ‘ndada a operame le catarate, parché no vedevo gnente. L’altro zorno xe vignùa a trovame me fia, quela che sta a Signorvas, cò la go vista le go trovada inveciada, e ghe lo go dito. "Tasi, mama," la me ga risposto de malegrassiata, sinò te porto in ospedal e te fasso rimete le catarate".
– Ah! I fiòi, se li ga, ma a volte no i ne dà el conforto che volarìssimo. – Volevo ancora dive che ve trovo ingrassada – la continua la Varginia. – Magnè tanto?
– No xe che magno tanto, comare, xe che ‘desso che no se fa più ‘na vita sfadigosa: duto quel che se para zo, deventa grasso. A volte me vien in mente la storia che me ga contò quel povro maranese, che tornando a casa a pie con un so amico, a guera finìa, sganghenìi e afamài, i vidi a un certo punto ‘na picola casa. I bussa, e ghe verzi ‘na veceta. "Vè qualcossa de dane de magnà, semo pìini de fame e de sede" i ghe disi co un fil de vose. "L’aqua ve la dago subito, ma par el resto no go gnente, benediti" la ghe rispundi ela." Go el fogo inpissò, se volè scaldasse..." Luri i ga acetò l’aqua, ma la pansa la feva duto un brontolèo. Dopo vesse scaldò, i ringrassia, i saluda, e cò i va fora i vidi che tacada a la casa ghe gera ‘na stala co un porco drento. Vardàndose in te i oci i pensa: "Se sta veceta la ga el porco la ghe darà anca de magnà, no xe vero?" E decisi i se scundi drìo la stala. A un certo punto la veceta la vien fora de la porta de casa co ‘na secia piena de magnà. Naltre a Maran lo ciamemo ‘el làip’, che in quel caso el consisteva in scòrse de patate, croste de polenta, e altri potaci bugì t’un’aqua che la veva coluri indefinìi. Cò la xe rientrada in casa, i curi ne la stala. El porco e li vardeva de bruto, ma luri afrontàndolo i ghe ga dito: – Cò te magni ti, podemo magnà anca naltre –, e cussì i ga fato. Pensa – el me ga dito sto omo, – quando che vevo fame me son indegnò anca a magnà sta roba, ‘desso che grassie a Dio go la pension e podarissi magnà, i doturi i me ga dito che son massa grasso e che go de méteme in dieta, parché go dute le analisi sconbinàe. Sta qua xe la farsa de la vita! – El veva rasòn, povareto. Disi un proverbio: "Chi ha fame non ha il pane, e chi ha il pane non ha fame". In sto modo la concludi el discorso la Catarina che la gera apassionada de proverbi.

[torna sopra]

 

Archivio
2019 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo "Clandestini": che bruta parola!
El problema de i imigrati nel nostro Paese, in sto momento, el xe come on "roveto ardente". La facenda la xe talmente ingrejà che bisognarà nare a fondo anca so ’l ciamarli "clandestini", parché le parole le ga el so peso
de Mario Klein
 
Cultura orale
Leggi l'articolo La vanzega
de Dinerio
 
Ricordi
Leggi l'articolo La cantina de i schiti
de Luigi Frosi
 
Da la Marca
Leggi l'articolo El cantar de i osèi
de Emanuele Bellò
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo Ciàcare de comari
de Maria Damonte
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo El mazo de frasche
de Renato Scarpi
 
Da Vicenza
Leggi l'articolo "LA GUERRA... e la vita pulsava"
Co sto secondo lavoro de ricerca storica, la nostra Lucia Beltrame Menini la ga superà se stessa, dimostrando che co la passion e la volontà se pol fare de i capolavori
de Ines Scarparolo