Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Mario Klein

Editoriale

Bisogno de silenzio
Anca se ghemo passà qualche giorno o qualche setimana de vacanza al lago, al mare o ai monti, ma anca a ramocia tra i muri de casa nostra, sentimo, drento, el bisogno de on calcossa che forse ne xe mancà e che oncora ne manca: el silenzio!

San Pietro Martire che ingiunge il silenzio (luneta afrescà dal Beato Angelico, 1442 ca, convento de S. Marco a Firenze).
San Pietro Martire che ingiunge il silenzio (luneta afrescà dal Beato Angelico, 1442 ca, convento de S. Marco a Firenze).
Quanto no saréssela stà bela chela diesena de giorni co i piè in moja e i pensieri al sole, soto on celo neto, drento a on’aqua da speciarse…
Che maraveja chele scarpinade tra i fiori e nel verde de i prà de montagna, a on tiro de s-ciopo da la Casa del Paron e po’ dopo nel bosco a rancurare mirtili, lanponi, nosele e fràgole selvàdeghe…
Ma quanta gente, anca se on fià manco “par via de trentasiè reson”, diséa me mama quando in casa no ghe jera on sisin e el gato se contentava de sgrafare la paja de la carega che savéa da sardelon. On fià manco, ma senpre tanta. Tanta e sbraitona, agità cofà on bisso, malcontenta de tuto, sustosa e spasemà, pronta a ucolare par gnente, come se tuti fusse curti de recia.
No stè dire de nò: in ste condizion xe fadiga parlare de “lieta vacanza”. Sì, par carità, intanto se ga canbià aria, in qualche modo la xe passà via, ma el clima ideale che uno el possa dirse “a me son propio ponsà de corpo e de testa”, questo resta, el pi de le volte, te ’l linbo de i sogni.
Cussì, dopo, tornando a fare el mestiere de senpre, de mama o de nona, de mestro o de prete, de inpiegato o de contadin, se se porta drio l’amaro de on riposo sbalià, inconpleto, poareto, privo de chel desfrito che ghe dà gusto al conpanàdego de la vacanza e de la vita.
Na vita senza i so tenpi “morti” par fora, ma “vivi” par drento, la xe inconpleta, la xe on quadro senza colori, la xe na radio a baterìa senza la pile.
La forza par nare ’vanti, l’energìa che fa mòvare i pensieri xe propio el silenzio, chela spece de folio bianco dove la mente, l’ànema, i sentimenti, i progeti, i boni propòsiti i mete zo la bruta copia de quelo che dopo deventarà el risultato del fare.
Solo nel silenzio l’omo riesse a tòrse da par elo le misure par l’àbito umano da portare ne i dì de festa e de laoro. Solo nel silenzio i pensieri i ghe la fa a portar fora da la porta in sbacio del zarvelo le idée, le intuizion, le risposte, i lanpi de genio, i slanci de fede e de corajo da métare ne la betoniera par otegnere l’inpasto che liga i pìcoli e grandi gesti de ogni giorno.
Qualchedun ga dito che el silenzio xe necessario par sentire, anca par sentire le parole: no xe che, parlando de silenzio, se gabia da cusirse la boca. Propio nò! Ma co na socetà che vive de “rumore”, che ne òbliga a subire ogni tipo de bordelo, ne pare el caso de poder dire che ghe xe bisogno de la cultura del silenzio par re-inparare a scoltare.
E par scoltare bisogna concentrarse e questo forse xe el punto pi difìssile: ghe xe na distrazion tale e na “superficialità”, spece se vardemo la scola che ne fa la television, che la xe dura poder avere le condizion par riflètare. El cardinal Tettamanzi, a sto propòsito, citando on passo de la Bibia, el ricordava: “Come un uomo non può vedere il suo viso nell’acqua torbida, così anche l’anima, se non è sgombra da pensieri rumorosi, non può leggere l’immagine di Dio e delle cose buone nella contemplazione.”
Anca la poetessa Alda Merini, te na so poesia la ga scrito: “… è arrivato il tempo di tacere / di raccogliere i pensieri / allegri, tristi, dolci, amari… / Ho bisogno di silenzio.”
Podemo dunque conclùdare disendo che confusion, bacan e fracasso i inturbia el zarvelo e porta l’omo a l’amasso; inveze, on bon tasere el s-ciara l’orizonte e l’ilùmina la strada del sentire le parole, i sóni, la natura e oltre. Forse xe par questo che on proverbio el dise: “Có tuti tase, nasse o se sposa on frate.” Vorìa dire che, a l’onbra del silenzio, sucede senpre calcossa de grando.

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Bisogno de silenzio
Anca se ghemo passà qualche giorno o qualche setimana de vacanza al lago, al mare o ai monti, ma anca a ramocia tra i muri de casa nostra, sentimo, drento, el bisogno de on calcossa che forse ne xe mancà e che oncora ne manca: el silenzio!
de Mario Klein
 
Sgiansi de sagessa antica
Leggi l'articolo Ale a i fetoni
de Dinerio
 
Memoria euganea
Leggi l'articolo Quando se ’ndava a botega
Quando se ’ndava a botega… ogni botega gheva el so nome.
de Pietro Gattolin
 
Da la Marca
Leggi l'articolo L’àngelo de i “quatro-sate”
de Emanuele Bellò
 
Dal Basso Piave (VE)
Leggi l'articolo R a c c o n t i
La Storia del Novecento vista dai “Giovani” degli anni ’20
de Guido De Nobili
 
Da Ciosa (VE)
Leggi l'articolo Su ’ndào a l’èstaro
de Giovanni Salvagno