Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Guido De Nobili

Dal Basso Piave (VE)

R a c c o n t i
La Storia del Novecento vista dai “Giovani” degli anni ’20

Quatro Ciàcoe
Guido, xe rivà posta, un pacheto, ciapa! Lèzo el nome del mitente, contento de védar che se trata del me amigo de infanzia, Emilio Schiavo.
Vedo el titolo: RACCONTI – La Storia del Novecento vista dai “Giovani” degli anni ’20, edito a cura del Lions Club Padova Host nel 150° de l’Unità d’Italia. Quando scorendo l’indice scopro fra i 13 nomi, tuti de autorevoi personagi, quel de l’ing. Emilio Schiavo, m’è vegnù na bòta de entusiasmo come sa esplòdar malgrado (o bon-grado) el me avio verso quota 90 de età.
Ò troncà imediatamente la barbosa messa in ordine de un cartegio del me lavoro giornaìstico de 40 ani par butarme goeosamente su na letura che m’à fat incontrar na identità de vita, de avenimenti comuni del periodo fassista e de guera.
El progeto de i “RACCONTI”, ideà da la Presidente Sandra Nicoletto, à incontrà la disponibiità de Giuseppe Iori, par coordinar le interviste par ogni storia personal sul profilo de i protagonisti efetuàe da copie de studentesse de l’Istituto Professionale de Padova, alieve de l’insegnante de Létere, Alessandro Tognon. Interviste condote su un metro comun: infanzia, studi, caeàmità bèliche, profession; dove de ognun vien riportà interessanti riflession che arichisse l’esperiensa de ’e ragaze, traéndone l’inpression de ’ver inparà la Storia del Novecento più da i dialoghi de i protagonisti che da i libri de testo.
A sto punto ritegno meritévole de riferir i nomi de ’sti “Giovani” protagonisti de i ani ’20, secondo l’ordine de l’ìndice:
LUIGI MASSIGNAN, PRIMO GOZZI, ALBERTO MARSULLO, ILIO MURACA, EMILIO SCHIAVO, LUCIANO MERIGLIANO, ONOFRIO DE CANDIA, GIANCARLO ROSSI, PIETRO GIUDICE, LUIGI DE PROSPERI VASOIN, LUIGI FERRANTE, SERGIO ZANGHERI, FRANCESCO CRISERÀ. Un riciamo sinpàtico lo riservo a l’amigo Vasoin, partecipando assieme con i scriti diaetài su ’a rivista Quatro Ciàcoe.
Da ’e interviste, dove l’infanzia apar un fià comun par tuti, l’è stà l’inpato co la guera che à diversificà anca ne ’e selte che ognun, poco più che ventene, à fato.
Torno a l’8 Setenbre 1943 se snoda ’e selte, dovendo decìdar a breve, secondo convinsion de base e del proprio istinto. Posission assunte, anca contraposte, fondàe sul sentimento come l’amor de patria, in momenti quando jera difìçie capir quaea che fusse ’a Patria. In comun par tuti: un doveroso e natural rispeto che li à trovài unìi a fine guera: cioè la voeontà de ricostruir l’Italia e particoearmente se stessi e le rispetive fameje. E el curriculum personal sta a dimostrar, co lanpante evidenza, quanto i se sia prodigài.
E adesso, “espresso sentito apprezzamento” verso i famosi “13 Leoni”, me fa piaçer de esprìmar çerte confidense verso el caro amigo Emilio Schiavo, la qual presensa nel libro me permete de intrategnerme.
Ai tenpi del Ventenio fassista, i ragazzi riçeveva la prima educassion de tipo miitar, dove… “libro e moschetto, fascista perfetto”.
Ai tenpi del Ventenio fassista, i ragazzi riçeveva la prima educassion de tipo miitar, dove… “libro e moschetto, fascista perfetto”.

Emilio risiedeva ne la vila che rende ancora decoro in centro de Musile. Traversando la strada entrava in scuoea, frequentando la quinta sul primo banco co mi, dove la beneamata maestra Clelia Picchetti n’à messo insieme par stimoear na rivaità… cultural; e cussì, bisognava sgobar de più de i altri. Emilio vestiva un grenbiulin bianco quadretà, che lo distingueva soto ogni aspeto, no soltanto estetico. Insoma, par tuta la classe el jera el sior.
Mi, come i altri scolari, vestivo (no a la marinara...) la blusa nera co le striche azure de la V classe cusìe su ’a mànega; covèrt a la bona come i altri: scarpà de zòcoi neri de tanta saeute, co le broche soto i legni, òtimi par isoear sul jaz (che no vol dir musica), mentre qualche “villico” calzava zòcoi verti, zaì de coeor, da massariot stanpà.
Emilio, oltre che ben vestì, el jera anca ben passù. Mi, orfano da l’età de 4 ani, co inconbente disocupassion in fameja, co l’apetito senpre a l’erta. Altro che i cibi reclamizài in tv che, de ’sti tenpi, conpro par el can e gat. Tuto me jera apetìbie. Forse questo m’à jutà a deventar na bona forcheta.
Me fa spece sinpàtica quando, a domanda de l’intervistator, ghe sona in recia “Il Piave mormorava”, dove afiora le radise de ’a “razza Piave”, quée radise che qualche partito, stonando, vol acapararse. Ma Emilio, ne l’intervista, se rifà anca sul riciamo a Giannino Ancillotto, icona aviatoria del Basso Piave del conflito ’15-’18. L’Eroe che m’à ispirà a deventar pilota nel 1940 e a riprèndar el breveto a l’alba… del 2007 (co benévoea sorpresa da parte de Emilio), pilotando par diporto domenical, tenpo de Bernacca permetendo.
Altro riferimento a Schiavo che me fa piaçer riscontrar sul libro: “Adesso le mie speranze sono riposte in mio nipote di diciotto anni, figlio di Chiara che mi sta vicino e cura con me gli interessi di famiglia.” Par sentirme in paralelo co Lu, ò anca mi l’unico nevodo che sta afrontando la maturità e par el qual se stravede in fameja.
A ’sti Signori me acomuna, par somejansa, el vissùo del periodo fassista, le tribolassion del periodo bèlico, restando un modesto ma vero italian che sa adatarse al vìvar quotidian in forsa de un caràtere otimìstico, volto a sentirse gratificà quando el pol dar na man de aiuto al prossimo.
Ben me riporto, sul finir del libro, ai tenpi del Ventenio fassista, come ben el Generale Enrico Pino, “Tirando le fila” de le confidenze registràe da ogni protagonista, evidenzia le adunate del sabato fassista, dove i ragazzi riçeveva la prima educassion de tipo miitar.
Mi, fra questi, porto esperienza direta, dove “libro e moschetto, fascista perfetto” jera el moto inperante fra la GIL. Ma quante altre amenità scrite dal fassismo su le case coloniche.
“Oggi quegli uomini – conclude el Generale Pino – nell’offrirci i loro ricorsi, mettono tutti indistintamente in risalto la durezza della loro gioventù ed il dramma della guerra affinché, tutti noi, ma soprattutto le giovani generazioni a cui sono indirizzate queste pagine, ne facciano tesoro e buon uso per il futuro.”
Emilio Schiavo esèrcita ancora l’amata profession, lassando trace concrete de ’a so operosità.
El me invita sinpaticamente qualche volta a pranzo al golf, che no pràtico anca se lo aprezo. Co “mazza e pallina” ò vinto, ne i ani ’60, canpionati de minigolf. E vivo contento come i “Giovani” del Lions.

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Bisogno de silenzio
Anca se ghemo passà qualche giorno o qualche setimana de vacanza al lago, al mare o ai monti, ma anca a ramocia tra i muri de casa nostra, sentimo, drento, el bisogno de on calcossa che forse ne xe mancà e che oncora ne manca: el silenzio!
de Mario Klein
 
Sgiansi de sagessa antica
Leggi l'articolo Ale a i fetoni
de Dinerio
 
Memoria euganea
Leggi l'articolo Quando se ’ndava a botega
Quando se ’ndava a botega… ogni botega gheva el so nome.
de Pietro Gattolin
 
Da la Marca
Leggi l'articolo L’àngelo de i “quatro-sate”
de Emanuele Bellò
 
Dal Basso Piave (VE)
Leggi l'articolo R a c c o n t i
La Storia del Novecento vista dai “Giovani” degli anni ’20
de Guido De Nobili
 
Da Ciosa (VE)
Leggi l'articolo Su ’ndào a l’èstaro
de Giovanni Salvagno