Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Mario Klein

Editoriale

’Desso xe de moda ofèndare
Xe vèro che se se ’bitua a tuto, anca al pezo: ormai, a le ofese in pùblico, no se ghe fa gnanca pi caso, no se ghe dà bado. Ofèndare la xe deventà na moda, ma el xe on segno de grande inciviltà

Qualche volta da le parole se passa a i fati, da l’insulto al scontro fisico… (foto de Politica24)
Qualche volta da le parole se passa a i fati, da l’insulto al scontro fisico… (foto de Politica24)
Avere idée difarenti, pensarla a so modo e dire quelo che se pensa, goài se no ’l fusse permesso, parché el xe ùtile e necessario al dialogo, al vegnerse incontro, se se vole rivare a calcossa de concreto che vaga ben pa’ i uni e pa’ i altri. La strada del confronto civile, anca se no se riva a la verità assoluta, poco ghe manca. Métarse d’acordo porta senpre goadagno e no ’l xe segno de deboleza, ma de bon senso e de umiltà.
Purtropo, la lezion che ne vien oferta da i tenpi che vivemo la ne mostra conpletamente el contrario. Politica, sport, economia, religion, cultura, arte… tuti ga la so verità in scarsela e ognuno sostiene co le bave a la boca che “la verità xe una sola e la xe la mia!”
Tuto questo fa nàssare chel contrasto che se ciama polemica e da la polemica se passa in poco tenpo al scontro verbale: se scavalca i lìmiti del rispeto ne i confronti de la persona, qualche volta da le parole se passa a i fati, indipendentemente da l’età, da la posizion sociale e culturale. Cussì se riva a l’offesa, a l’insulto, a la barufa da cortelo: na susta che fa saltare in aria, insieme a i nervi, tuto quelo che la parte pi bestiale de l’omo pole métare a disposizion de la boca in chel momento. Có se riva a sto punto, quelo che conta xe far fora, a parole, l’aversario, deventà nemico da bàtare, da silurare, da farghe pèrdare la reputazion…
El bruto xe che, dal caso raro se xe passà a l’abitùdine e che el fato privato el deventa pùblico: tuti lo ga da savere, tuti lo ga da védare. No ghe xe pi ritegno: giornài e television i fa de tuto par mostrare par primi sta vergogna e i zerca de far passare par normalità quelo che xe on segno preocupante de degrado civile.
Come in tute le robe, anca a sto fenòmeno se ghe fa el calo, no se ghe fa gnanca pi caso, parché se se ’bitua a tuto. E lassa pèrdare oncò, lassa córare doman, coremo el ris-cio de tornare tanto indrìo, al tenpo de la caverna che on giorno l’omo xe vegnù fora, pitosto che ’vissinarse al “cielo stellato” che ne sta dessora e che ne dovarìa ricordare el destin finale.
Zercando de èssare concreti, savemo tuti che no semo àngeli, che nare d’acordo costa fadiga e che xe senpre pi difìssile “lavare i panni sporchi in famiglia”, anca parché la fameja d’oncò tante volte la xe come i fossi stropà de la canpagna, che te ghe ne cati senpre manco… Però no stemo desmentegare che el scoop, el gossip, el scandalo al sole, che i “mass-media” i ne propina, altro no i xe che pìlole de velen che fa morire on poco a la volta el vero progresso de la nostra socetà. Xe bruto che ste robe le suceda, ma xe bruto anca mostrarle…
Col nostro modesto lavoro, co la nostra rivista, se zontemo volentieri a la canpagna de moralizassion che anca l’Ordine dei Giornalisti del Veneto sta portando ’vanti, parché ghe xe tanti modi de contare le robe e, se xe ùtile e necessario informare, xe ben tegner conto che, de quelo che sucede “quotidianamente”, non tuto mèrita de èssare contà, tipo le barufe, le sgognade o le sberle… in direta tivù! In sto caso, come ne insegna el vecio deto “prima de parlar tasi”, par giornài e television podarìa valere el novo deto: “prima de mostrar scancela”.

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo ’Desso xe de moda ofèndare
Xe vèro che se se ’bitua a tuto, anca al pezo: ormai, a le ofese in pùblico, no se ghe fa gnanca pi caso, no se ghe dà bado. Ofèndare la xe deventà na moda, ma el xe on segno de grande inciviltà
de Mario Klein
 
Zente de Padova
Leggi l'articolo Enzo Luigi Poletto
de Arturo Baggio
 
Tradission a ris-cio
Leggi l'articolo Bàcaro
de Armando Mondin
 
Robe de Ciósa
Leggi l'articolo I ortolani “marinanti” visti da Comisso
a cura de Angelo Padoan
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo A ghe ne digo quatro!
de Laura Viaro
 
El raconto del mese, in visentin
Leggi l'articolo Una confession
de Antonio Maraschin