Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Arturo Baggio

Zente de Padova

Enzo Luigi Poletto

Nel riquadro, probabile ritrato de E.L. Poletto.
Nel riquadro, probabile ritrato de E.L. Poletto.
Sto nome, có gero putèo, me xe stà fato diverse volte da me fradèo più vecio, che de mestiere da zóvane el fazeva l’orchestrale, el musicista. E mi el me xe restà in mente insieme a de le canson cantàe in dialeto padovan. Gninte de più. E sercando tenpo fà fra le cansonete scrite nel nostro dialeto me xe saltà fora sto nome, sto personagio e la so biografia. Busareti! Un sior conpositore de cansonete in lingua italiana tra le più conossùe del so tenpo.
Dovì alora savere che Enzo Luigi Poletto xe nato a Padova el 16 zenaro 1906. El studiava chimica a l’Università de Padova, quando nel 1925 el ga abandonà i studi, e apassionà de la musica jazz, el ga scominsià a sonare insieme a amissi padovani, anca lori inamorài de sto novo genere, formando na orchestra. El ga conpletà i studi musicài al conservatorio, diplomàndose in pianoforte, violoncelo, armonia e conposision e, forte de la so preparassion teorica e de la pratica che nel fratenpo el gheva fato, el ga girà tenendo spetàcoli in Italia e anca a l’Estero.
Poletto no xe stà solo musicista e diretore de orchestra, ma anca conpositore de musica e de testi de circa sinquesento cansonete, solo de musica de na trentina co i testi de altri parolieri, de un sentenaro de testi par altri conpositori de canson e de un bon nùmaro de tradussion de testi stranieri. Sicome el gera anca apassionà de leteratura, el ga scominsià a publicare so poesie in varie riviste locali, finché nel 1928 el ga unìo le so do passion e el ga scrito la so prima canson, musica e parole.
E da là xe vegnù i so primi sucessi. Nel giro de pochi ani el ga publicà tante cansonete per case de edission musicali (tra le quali le “Messaggerie Musicali” e “Southern”). Le ga vudo na serta notorietà: Con tutta l’anima, po’ Sul campanil del duomo che la xe stà cantà da Dea Garbaccio, notissima cantante de alora, e incisa anca da Crivel. Xe vegnù anca Anema mia e, notissima, co grando sucesso, T’ho vista piangere cantà da Alfredo Clerici. Sti cantanti uncò no i dize gninte, ma alora i gera proprio su la cresta de l’onda. La canson scrita da lu più nota la vien incisa nel 1946 da Nilla Pizzi e Tony Stella e la xe La barchetta (in mezzo al mare) che col tenpo la deventa famosa come filastroca popolare. Altri sucessi i xe stà C’è una capinera (nel mio cuor) scrita par Alfredo Clerici e Maria Cristina par Nino Florio. Nel 1947 po’ el traduze in colaborassion con Larici el sucesso latinoamericano La Malaguena che deventarà famosissima cantà da Claudio Villa. Nel 1950, la canson cantà da Maria Pia Arcangeli 7-13-28 - Ho giocato un terno al lotto”, nel 1951 a la prima edission del Festival de Sanremo el presenta la canson Notte di Sanremo cantà da Nilla Pizzi, l’ano dopo senpre a Sanremo co la cansoneta Al ritmo della carrozzella cantà dal Duo Fasano de la quale el ga scrito solo el testo parché la musica la xe stà scrita da Piero Pavesio. Nel 1952 la so canson Morire di desiderio la vien cantà da Jula De Palma.
Come che digo più sora, Enzo Luigi Poletto el fa anca el tradutore de testi stranieri, el scrive par Claudio Villa le parole de Granada nel 1954 e nel stesso ano le parole de Arriva la corriera che xe la tradussion de la canson brasiliana “The Choo Choo Samba” par el chitarista Peter Van Wood. Ufemia, altro testo in italian de na canson straniera l’ano dopo, grosso sucesso de Natalino Otto, cantà anca da Renato Carosone. Par n’altra cantante a chel tenpo de grande sucesso Clara Jaione el ga scrito Vendeva fiorellini, sua la musica e anca el testo, e gèrimo nel 1955.
Altri so sucessi i xe stà Amo la musica, Signorinella degli aviatori, Conduttor ferma il treno per favor, La biondina, A mare chiaro. Poletto ne i ani ’50 col pseudonimo de “Josè Dumbo” el ga scrito canson de ritmo latinoamericano e testo in spagnolo. Tra queste merita de èssare ricordà Bakana-bà, Senor, Barquinha vai no mar e Con el tiempo y un ganchito. Ma el tenpo passa, le mode canbia e Poletto se inacorze de aver fato el so tenpo e el se ritira co l’arrivo de i urlatori e de i cantautori genovesi. El se dèdica a fare el scritore, el giornalista, el saggista qua a Padova e a Milano. A Milano el more el 20 zenaro 1983.
Go sercà de strénzare el più possìbile sto articolo e de no fare comenti. Ma me pare che el sia de dirito un “padovan speciale”. Un padovan che xe stà ben conossùo nel canpo de la musica legera. A la zente giovane de uncò no dize gninte i nomi de i cantanti che go cità. Forse ghe dize calcossa che el testo de la canson Chi sarà cantà da Mina lo ga scrito proprio lu. Onore a Enzo Luigi Poletto, ne la speransa che qualchedun de noialtri padovani possa portare el so ricordo nel core.

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo ’Desso xe de moda ofèndare
Xe vèro che se se ’bitua a tuto, anca al pezo: ormai, a le ofese in pùblico, no se ghe fa gnanca pi caso, no se ghe dà bado. Ofèndare la xe deventà na moda, ma el xe on segno de grande inciviltà
de Mario Klein
 
Zente de Padova
Leggi l'articolo Enzo Luigi Poletto
de Arturo Baggio
 
Tradission a ris-cio
Leggi l'articolo Bàcaro
de Armando Mondin
 
Robe de Ciósa
Leggi l'articolo I ortolani “marinanti” visti da Comisso
a cura de Angelo Padoan
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo A ghe ne digo quatro!
de Laura Viaro
 
El raconto del mese, in visentin
Leggi l'articolo Una confession
de Antonio Maraschin