Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Luigi Frosi

Sagessa…

Il tempo prezioso delle persone mature

Mário Raul de Morais Andrade, poeta, musicologo e scritore brasilian.
Mário Raul de Morais Andrade, poeta, musicologo e scritore brasilian.
Da quando a so’ stà in Brasile nel ’93 del secolo passà, me ga ciapà el ”Mal del Brasile”... Cussì, ogni roba che riguarda sta gran nassion me ’tira l’intaresse: scolto le notissie che riva da i parenti brasiliani e da i amissi che me son fato là, leso libri e articoli che me porta l’aria de chei posti.
Sto qua el xe un messajo de un poeta e scritore brasilian, Mario de Andrade, che go leto tenpo indrìo. A mi el me ga fato na serta emossion e vorìa passàrvelo par védare se provè anca valtri quelo che go vivesto mi nel lèzarlo.
“A go contà i me ani” el taca, “e me so’ incorto che go manco ani da vìvare da incò in ’vanti, che no fa i ani ca go za vivesto fin ’desso. Incò, a me sento come quando da putéo i me regalava un scartosso de caramèe: le prime le magnavo co’ avidità e de pressa, ma, quando che me incorzevo che el mucio calava e me ne restava senpre de manco, sercavo de magnarle co pi calma e ciuciarle pian-pianin par sentire mèjo el gusto che le gavéa.
A sto punto de la me vita, a no go pi tenpo par ’ndare a riunion che dura na eternità, dove se discute acordi, legi e legine, procedimenti e regolamenti...: a sò za come la va a finire!… El xe tenpo perso par gnente parché, tanto, le robe restarà senpre conpagne. No go pi tenpo par soportare zente che no ga i pié par tera e che, nonostante i sia ’vanti co l’età, no i xe cressùi par gnente. No vojo ’ndare a scoltare zente che vol solo métarse in mostra, che i pensa solo a la so panza, a farse bei davanti a i altri, che pensa a la carega dove che i xe sentài, che i ciàciara come baloni gonfiài. ’Desso, no soporto pi chi te dà da intèndare che ’l Signore xe morto dal fredo, i arivisti e, manco ancora, i aprofitatori de la buonafede de la zente pi sènplice e umile. Me fa rabia chi che xe invidioso, che parla male de chi che xe rivà na s-cianta pi ’vanti de lori, par sercare de farse bei davanti a la zente. No posso soportare, se so’ presente e sento quelo che vien fora e se dize, pur de rivare su un scagno pi alto par un incarico inportante. Savemo che serta zente no parla par rivare al ben de tuti, ma squasi senpre par rivare a ’vere un titolo particolare da métare davanti al so nome… No go pi voja de parlare de ste robe: guadagnare senpre de pi de quelo che se ga messo da parte par farse bei davanti a la zente, far védare che te si un omo rivà. ’Desso come ’desso, me piase rivare a l’essensiale, parché, dentro de mi sento che go pressa e, co le poche caramèe che me resta nel sacheto, a preferisso vìvare in mezo a le persone sènplici, zente che xe sensibile e che no pensa solo a se stesse. Zente che sapia voler ben e ciapare la vita come che la vien, ridendo de quelo che i xe e su i sbali de chi che xe ingenuo e bontenpon. Zente matura, sicura in quelo che la dize e la fa, che sa èssare umile senza sbandierare la so sagessa e sensa vantarse de quelo che la ga mucià. Zente che no monta su ’l scagno prima del tenpo, ma che sa farse viva e presente al momento giusto co discression e in silensio. Zente che no se sconde de drìo de un déo e no scanpa davanti a le so responsabilità. Zente lanpra, che dize bianco al bianco e nero al nero, che sa pagare de persona có xe el momento, zente che sa difèndare la so dignità e quela de i altri. Zente che vol vìvare onestamente e senza conpromessi parché, solo par questo, vale la pena de vìvare e caminare senpre co la testa alta. Cussì a vojo stare insieme co’ zente che sa rivare al core de le persone, zente che provàe da la vita, i gabia inparà a créssare co fiducia e teneressa ne l’ànima.
Sì… a go pressa… par vìvare co tuto el core quelo che la sagessa de i ani la ne pol dare. No vojo dissipare gnanca na sola caramela de quele che me resta in tel sacheto de la me vita e so’ sicuro che le robe che me resta de vìvare le sarà le pi bone e gustose de quele che a go magnà fin ’desso. El me sogno prima de svodare el sacheto, xe quelo de ’ndare via co’ l’animo seren e in pase co le persone che go pi care, la me fameja, i amissi e da primo co la me cossiensa.
Me auguro che ogni dì che me resta da vìvare la sia senpre un grassie a chi, da l’alto, ne fa védare el sole ogni dì e ne fa gustare la serenità e la pase co nialtri stessi e co tuti quei che incontremo.”
Speremo de ’vere el sentimento de vìvare sti ani che ghemo davanti co’ un spirito de atension e de rispeto verso nialtri e verso tuti quei che incrosemo ogni dì, e de lassare un bon ricordo de come ghemo savudo vardare la zente co’ conprension e acolienza.

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Che fadiga nare d’acordo!
Genitori che barufa co i fiòi, fradèi che se cagna da la matina a la sera, marìi che no soporta le mojere, morosi che se lassa prima de conóssarse, politici che oncò se promete amore e pace e doman i xe za in barufa: la xe tuta na guera!
de Mario Klein
 
Sagessa…
Leggi l'articolo Il tempo prezioso delle persone mature
de Luigi Frosi
 
Da Adria (RO)
Leggi l'articolo Giornalari
de Sergio Bedetti
 
Da Thiene
Leggi l'articolo El Circolo “S. Gaetano”
Un vanto pa ’l Patronato de i Giusepini de Thiene che da ben 100 ani lo òspita
de Bepin Daecarbonare
 
Da Verona
Leggi l'articolo Filastroche de la nostra infansia
Quando no’ ghéra i videogames e no ghéra i zugàtoli tenològici de i nostri giorni, trionfava zughi e filastroche che infiamava la nostra infansia, parché èrimo poareti de schei ma siori de fantasia. Eco qua un pochi de ricordi.
de Wanda Girardi Castellani
 
Da la Bassa Veronese
Leggi l'articolo Na mama del ’900
de Lucia Beltrame Menini