Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Mario Klein

Editoriale

Pecà che la Tv no sia pi coela
Quanti sogni, quante speranze la ga fato nàssare la “nostra” Television. Quanto materna, maestra e formativa che la xe stà, ciapando in man na socetà vegnù fora da poco da la guera. ’Desso, però, no la xe pi coela…

Fulvia Colombo, la prima anunciatrice e condutrice televisiva italiana.
Fulvia Colombo, la prima anunciatrice e condutrice televisiva italiana.
Sessant’ani fà, el 3 genaro del 1954, la Rai-Radiotelevisione Italiana la scumissiava a mandare in onda le prime trasmission televisive. In chei ani pochi podéa permétarse de portare in casa chel casseloto luminoso, a valvole, col trasformatore par tera, che ’l ne spalancava na finestra so on mondo in bianco e nero mai visto prima. Na vera scoperta, na conquista de la tecnologia.
Par mezo secolo la Tv la ga dominà la vita sociale italiana, la xe deventà inportante e necessaria quanto el pan che se magna. Vardare la television voléa dire vardare on mondo novo, inparare tante robe nove, oltre che divertirse, straviarse, desmentegare pa ’l momento dolori, problemi, e tante rogne, che quele no le manca mai.
La ne ga ’jutà a formare e dare on’imàgine pi dignitosa e rapresentativa de quelo che jèrimo; la ne ga ga svejà fora dal coma provocà da la guera, la ne ga insegnà a caminare co le nostre ganbe e a rèndarse conto che da soli no se va da nessuna parte, parché semo on popolo, parché ghemo da èssare on “noi” formà da tutu i “io” par afrontare el bene comune, quelo de la ricostruzion, del svilupo, del progresso.
Nessun storico pole ricostruire la storia de i ultimi 60 ani del nostro Paese senza l’aiuto de la television, de tuto quelo che la ga fato nàssare e imaginare ne le nostre teste, a partire da “Lascia o raddoppia?” al Festival de Sanremo, da “Non è mai troppo tardi” a “Portobello”… par no parlare de “Carosello”.
Quando Fulvia Colombo, dal Centro de Produzion de Corso Sempione, a Milano, la ga anuncià: “La Rai, Radio- televisione italiana, inizia oggi il suo regolare servizio di trasmissioni televisive”, la Television la ga catà na popolazion par metà oncora analfabeta, quindi la se xe rivolta a on pùblico desideroso de savere, bisognoso de inparare, de conóssare. Quando che la se xe incorta che i bar no i jera pi incalcà de zente parché le fameje, firmando tante “tajadele”, le ghea liberà on canton de la cusina par métarghe l’aparechio televisivo, la Television la xe nà pi ’vanti: a dir el vèro, la xe senpre stà pi ’vanti de chi la vardava.
Solo che, ’vanti oncò e ’vanti doman… se ga l’inpression che la sia nà massa ’vanti! Da quando la politica se xe inpadronìa de la Television, la Rai-Radiotelevisione italiana no la xe pi maestra par tuti. Volgarità, parolaze de tuti i tipi, adiritura biasteme, sène de violenza, cronaca de fati de sangue che sarìa mèjo no savere, barufe, scontri, insulti, beghe politiche, scandali: tuti segni negativi del canbiamento del Paese, che la Tv ne propina… da la sera a la matina. Continuare a mostrare tuto questo, vol dire èssare deventà “cattiva maestra”, vol dire rinunciare al ruolo formativo e educativo, e no èssare pi “servizio pubblico”.
Par carità! No la fa védare solo questo, e esiste el telecomando, ma no la xe so mama: dal momento che “l’abbonamento Rai si deve”, anca “mamma-Rai” la ga da fare na riflession se no la vole cascare senpre pi in basso e ridurse a èssare vardà solo da anziani e da persone de cultura medio-bassa.
La ricorenza de i 60 ani de vita ga da servirghe a la Rai a rimétarse in càtedra, tirar fora la bacheta e scrìvare, a la lavagna, la lista de le robe bone e de quele cative.

[torna sopra]

 

Archivio
2021 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Pecà che la Tv no sia pi coela
Quanti sogni, quante speranze la ga fato nàssare la “nostra” Television. Quanto materna, maestra e formativa che la xe stà, ciapando in man na socetà vegnù fora da poco da la guera. ’Desso, però, no la xe pi coela…
de Mario Klein
 
Atualità
Leggi l'articolo “Il tempo è denaro”
de Luigi Frosi
 
Da Legnago (VR)
Leggi l'articolo El sgolmarin
de Franca Isolan Ramazzotto
 
Robe de Ciósa
Leggi l'articolo I ziòghi de ’na volta
a cura de Angelo Padoan
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo L’amore a i tenpi de la panara
de Laura Viaro
 
Da Verona
Leggi l'articolo Un amor grando
de Giacinta Dall’Ora