Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Bruno Rossetto Doria

Da Maran Lagunare (UD)

La triste storia del pescaòr Filippo

Deluso, vantò in man, lo ga portò subito in boca pa’ daghe un morsegòn…
Deluso, vantò in man, lo ga portò subito in boca pa’ daghe un morsegòn…
Co gera capitada sta disgrassia, Filippo el gera a pescà in palùo duto sol. Ogni ano, ’pena che riva el caldo in giugno e lulio, che ’l tacheva a issà la tenperatura de l’aqua in palùo, el pesse el se sposteva subito nti canài ndove che gera più aqua, che la gera più fresca. Sicome che resteva poco pesse in palùo in quìi misi de caldo, i pescaùri maranisi i meteva in tera i grasiùi e i ndeva in canèo a tajà la cana arente i fiumi: cana che dopo sarnìa e lassada a stazonà in sufita, d’inverno la tireva fora e dopo spuntìa i prepareva i grasiùi, prunti de doprà in Quarésema dopo fato el toco de le seraje.
El veva de ndà anca elo a tajà la cana, ma colpa del bisogno, parché el veva de daghe de magnà a i fiòi, Filippo el ga cuntinuò ndà a pescà. El veva tenpo de ndà in canèo anca in lulio, e cussì con la batela el veva portò i so grasiùi oro le velme del fiume Corno, là che l’aqua la gera bela fresca. Intanto che elo ’l ndeva a vede i cugùi nte la gniova seraja, lavàe e pituràe le barche a cinque rimi i pescaùri i gera prunti par faghe festa a San Vio, che ogni ano la casca el quìndese de giugno.
Smanioso, quela matina Filippo no ’l vedeva l’ora de rivà sul giogo, tirà a bordo i cugùi e trovà drento magari un bel bisato de fa in spèo, o qualchi sfoio.
Montò a bordo, smolada la batela e slargada dal molo, ciapài in man i rimi, Filippo el ga tacò a vogà. El veva na bona ora de remà, el veva de fa svelto se ’l voleva rivà in “lama”, passà la ponta de San Piero prima de la seca (bassa marea), sinò ghe tocheva cassà la batela sul fango e cussì, invissi de na ora, el ghe ne meteva più de dó pa’ rivà a bordo la seraja.
Tre ore dopo, che ’l veva pescò ’pena el pesse de sena, qualche goato e un pugno de anguele, ghe mancheva de vede ncora un cogol, el mèjo. Filippo lo veva lassò par ultimo, sicuro che ’l ghe varissi refò la pescada. Issò a bordo e pusò su la banda, un gropo de gransi tacài nt’un bisato romai de butà i taca core spasemài. Libò el cogol sul casson, scorlò el gulin, el vidi un sfoio bel vivo che ’l salteva sercando de no fasse ciapà da i gransi. No ’l gera grando; un giosso più de mezo eto. Deluso, vantò in man lo ga portò subito in boca pa’ daghe un morsegòn. Forsi el voleva sfogà la rabia de la magra pescada sora l’unico pesse de valor. Almoto, ntel daghe el morsegòn, bel vivo e sbrissoloso el sfoio el ghe gera scanpò de man e subito sbissò in gola.
Capìo de ve fato na grossa capela, Filippo el ga sercò de gavalo, sol che ’l pesse, tignindo le scaje metùe al contrario, invissi de vignì fora el ndeva senpre più verso la gola, el veva scumissiò a scafoialo. Terorizò, con i oci che i ghe balucheva, quìi puchi atimi Filippo el veva pensò de lassalo ndà, che magari el riveva a ingiotilo. Forsi un sfoio cussì el riveva passà, e, ma se no ’l passeva? Subito pintìo, el serca de tignilo fermo co i dinti. La paura la gera granda e sercando de razonà, de sta calmo, el taca a rispirà col naso, ma vedendo che ’l feva fadiga, disperò, Filippo el fica le onge sul toco de pesse che steva par fora, e dopo strento con dute le fòrse, che ’l gera rivò a tignilo fermo, par tiralo fora el veva sol de verse la boca e molàlo de i dinti. Povro Filippo, che no lo vissi mai fato. Ncora vivo el sfoio el se ga subito moto e rivò in gola el ghe veva taponò duto, anca quel giosso de rispiro e cussì...
Verso mesozorno, co i maranisi in canèo sul fiume Corno, finìo de tajà la cana i gera drio tornà a Maran, ’pena vista la batela del Filippo metùa malamente, sospetando che gera capitò qualcosa i gera ndài indrumàn là e ’pena pusada la batela sul fianco, lo ga visto: povro Filippo, el gera distirò nti costrài col muso viola e con le onge de i di ncora tacàe sul sfoio: almoto el veva lotò fin in ultima ma no ’l gera stò bon de gavalo.

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Dove xela finìa l’onestà?
No passa giorno che no se senta parlare de persone, che mai te gavarissi pensà, finìe in galera par avere sgranfignà schei a tuta alè, par avere incassà “mazzette” o avere preteso “tangenti”, viaji, màchine, regài sproposità. Alora vien da domandarse “dove xela finìa l’onestà?” e decidemo de parlàrgane…
Mario Sileno Klein
 
Da la Bassa Padovana
Leggi l'articolo “Vaca Roma!”
de Roberto Soliman
 
Da Venezia
Leggi l'articolo “Scultura esterna a Venezia”
de Armando Mondin
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo La triste storia del pescaòr Filippo
de Bruno Rossetto Doria
 
Da Thiene (VI)
Leggi l'articolo Festa al Suman
“L’uomo ai piedi del monte Summano volge il cuore a Maria Ausiliatrice.
Le domanda speranza e coraggio ed invoca la Pace…”
(na strofa de l’ino, scrito in ocasion del Centenario)

de Bepin Daecarbonare
 
Robe de ’desso
Leggi l'articolo Discorsi da rìdare
arbinà da Franca Isolan Ramazzotto