Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Bepin Daecarbonare

Da Thiene (VI)

Festa al Suman
“L’uomo ai piedi del monte Summano volge il cuore a Maria Ausiliatrice.
Le domanda speranza e coraggio ed invoca la Pace…”
(na strofa de l’ino, scrito in ocasion del Centenario)

Santuario del Suman co un grupo de gitanti.
Santuario del Suman co un grupo de gitanti.
La statua de Maria Ausiliatrice portà in procession, che torna al Santuario; sul sfondo la Crose.
La statua de Maria Ausiliatrice portà in procession, che torna al Santuario; sul sfondo la Crose.
La tèrsa doménega de agosto, la prima dopo l’Assunta, vien celebrà, la festa del Santuario Mariano, in sima al monte Suman, co Messa solene e procission, dove la statua in legno de Maria Ausiliatrice, scolpìa pi de sento ani fà da Pietro Dalla Vecchia, “intagliatore” de Santorso, tra orassion, mùsica e canti, vien portà a spala fin la Crose, inalsà sul punto pi alto del monte (m. 1300).
In agosto-setenbre ’93, co varie manifestassion, Santorso, el grosso paese a i pie del monte Suman, e in particolare la Parochia de S. Maria Imacolata – S. Antonio al Timonchio, ga ricordà el primo “centenario” de ’a ricostrussion de ’a cesa e colocamento de l’Imagine de Maria Ausiliatrice.
Ve conto la cronaca del 20 agosto 1893, catà scrita in te i libri, par riscoprire la fede de ’a nostra gente che, nel vìvare poareto de ogni giorno, ghe dava la forsa de ’ndare ’vanti.
“... Dopo una intera notte di sempre nuova folla che facea eccheggiare l’Oratorio e la valletta di preghiere, di canti e di ammirazioni, intantoché nella Parrocchiale di Sant’Orso una folla non minore ripeteva gli stessi entusiasmi ai piedi della graziosa Immagine già pronta a prender la salita, ecco che in quattro ore la processione, lunga più di due chilometri, e ciò che è meglio, devotissima sempre, spuntò col suo tradizionale stendardo agli orti dei Frati fra gli spari delle spingarde, dei cannoncini della Villa Rossi, incedendo fra due muraglie di più di 30.000 persone così commosse che le lagrime si leggevano sugli occhi di molti…”
Questo xe solo un tocheto, ma, me pare ghe sia l’essensiale, e, tornando a i dì de ancò, podemo dire che la fede ne ’a nostra gente la arde ancora, anca se bersalià da serti co idée difarenti che, insistendo, de continuo ne sidia e purtropo calchedun cede, ma dovemo vardare al nùmaro pi grando de chi saldo camina su le pèche de i nostri “veci”.
Cussì, la tèrsa doménega de agosto, ogni ano, sul monte Suman se dà apuntamento 1.500-2.000 pelegrini che, devotamente partecipa a la solene procission che, partendo dal Santuario, se “snoda” fin soto la Crose, un colosso in cemento inpiantà in te ’a rocia par sie metri de profondità e se alsa, da la base de on metro quadro, par sédese e meso, mentre i brassi misura sete metri.
La Crose xe stà benedìa dal Vescovo el 19 agosto 1923 e, stando a la crònaca, se lese: “… Poche volte, come domenica abbiamo veduto un cielo così terso, così azzurro; però l’aria calma del mattino non faceva prevedere il vento forte che soffiò qualche ora dopo; ciò non impedì che il programma della festa si svolgesse completamente. Alle ore sette arriva il Vescovo, accompagnato dal cerimoniere, don Roberto; la folla acclama, la Banda del Tretto fa echeggiare tra le rocce il suo saluto, la storica campanella del Santuario squilla al vento la sua allegrezza. Mezz’ora appresso si snoda dalla chiesa la caratteristica processione per recarsi alla Croce. Chi ha potuto vedere questa interminabile teoria di persone, svolgentesi in ampie spire su per l’erta della cima, in cui le policrome divise delle congregazioni con i loro iridescenti vessilli, spiccavano tra il verde dei cespugli ed il bianco delle rocce, mentre preghiere e canti salivano da tanti petti e si fondevano talvolta con le note della banda, può esclamare: ? è una visione di paradiso! ? La processione fa corona alla grande Croce; con fatica le congregazioni possono circondare l’altare, perché la folla è immensa e lo spazio della cima è angusto. Sua Eccellenza benedice con voce robusta la Croce ed incomincia subito la S. Messa, mentre il popolo canta e... il vento soffia terribilmente...”
Anca l’atuale cesa dedicà a Maria Ausiliatrice ga la so storia, ma (senpre par mancansa de spassio) no posso contàrvela ne ’e poche righe che me resta; forse, se gavì caro e passiensa, podarì lèsarla nel nùmaro de magio ’15, mese de ’a Madona.
Intanto ve speto doménega 17 agosto a la Festa sul Suman.

Fonti:

  • Il Summano e il suo Santuario (Ed. 1924)
  • Monte Summano 1893-1991 grandi e piccole storie (Ed. 1991)
  • La chiesa di S. Maria del Summano (Ed. 1993)


[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Dove xela finìa l’onestà?
No passa giorno che no se senta parlare de persone, che mai te gavarissi pensà, finìe in galera par avere sgranfignà schei a tuta alè, par avere incassà “mazzette” o avere preteso “tangenti”, viaji, màchine, regài sproposità. Alora vien da domandarse “dove xela finìa l’onestà?” e decidemo de parlàrgane…
Mario Sileno Klein
 
Da la Bassa Padovana
Leggi l'articolo “Vaca Roma!”
de Roberto Soliman
 
Da Venezia
Leggi l'articolo “Scultura esterna a Venezia”
de Armando Mondin
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo La triste storia del pescaòr Filippo
de Bruno Rossetto Doria
 
Da Thiene (VI)
Leggi l'articolo Festa al Suman
“L’uomo ai piedi del monte Summano volge il cuore a Maria Ausiliatrice.
Le domanda speranza e coraggio ed invoca la Pace…”
(na strofa de l’ino, scrito in ocasion del Centenario)

de Bepin Daecarbonare
 
Robe de ’desso
Leggi l'articolo Discorsi da rìdare
arbinà da Franca Isolan Ramazzotto