Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Angelo Padoan

Robe de Ciósa…

Memorie d’altri tempi…

Una de le prime piante de Ciósa (1528).
Una de le prime piante de Ciósa (1528).
“Memorie diverse della Città di Chiozza raccolte da me Antonio Boscolo nodaro”: questo xe un tòco del chilometrico titolo de un manoscrito lassà da un sèrto Antonio Boscolo (1677- 1773), notaio in Chioggia, mègio conossùo come "Cronaca Boscolo", stampà in volume nel 1988 a cura del Comune de Ciósa. In sto manoscrito l'autore riporta fati, avenimenti, personagi e notissie del so tempo e anche de prima, sensa un órdine cronologico o sistematico ben precisi.
Fra le altre ghe xe de le pagine dedicàe a la "Narrazione de straordinarj avvenimenti in Chiozza dall'anno 758 al 1645"; se trata de fati talmente curiosi che i à de l'inverosimile, ma che proprio per questo i mèrita de èssare riportà tali e quali, sensa cambiarghe gnanca 'na virgola (oviamente esposti ne l'italian de quei tempi).
− L'anno 943 il sole fu visto in Chiozza, che pareva che stillasse sangue, e ne seguirono subito diversissime morti repentine.
− L'anno 1082 fame grandissima in Chiozza, a segno tale che gli huomini si ridussero per la necessità fino a mangiare cibi vilissimi et abbominevoli, come cani, gatti, topi, et altre simili sporcitie, e le donne fino ridotte dalla fame a incrudelire contro li propri parti; e li prodigij di quella gran fame furono li uccelli domestici, cioè galline, anitre, pavoni et altri simili che fuggirono alli monti, e li pesci innumerabili de' fiumi e mari perirono.
− L'anno 1096 il venerdì della prima settimana di quadragesima apparve in cielo una cometa verso l'occidente e durò 25 giorni, e dall'oriente un gran trabe acceso e gli andava incontro, et il venerdì santo furono vedute due lune poco avanti giorno, una in Oriente, e l'altra in Occidente.
− L'anno 1119 una porca partorì in Chiozza un porcello con la faccia humana, una gallina un polo con quattro zampe.
− L'anno 1234 fu un freddo eccessivo et intollerabile, che aggiacciò la laguna tutta e fiumi, che sopra il giaccio li carri e carozze et animali camminavano come in terra, ammazzò li pesci nelle acque, gli animali in terra, li uccelli nell'aria, le piante inaridì, e gli huomini morivano in gran numero, che ne causò una carestia e fame notabile.
− L'anno 1280 fece una acqua da mare così grande, che essendo di notte affogò in letto molti poveri che dormivano in casette a paggion; e replicò ancora il suddetto anno la suddetta acqua grande, e terremoto con danno importante.
− L'anno 1313 apparvero nel cielo tre lune et una cometa che durarono quasi tre mesi.
− L'anno 1347 fu veduto dalla parte del settentrione un gran vapore per l'aria che rovinò in terra, e l'anno seguente peste universale, et horribilissima per tutto il mondo, con grandissimo scempio degli huomini.
− L'anno 1527 carestia estrema che causò una fame grandissima, et in detto tempo furono visti tre soli in cielo, replica la carestia l'anno venturo 1528, et appressovi la peste, si ferma per alquanto la carestia, e l'anno 1529 torna a tormentar li poveri chiozzotti.
− Due soli furono veduti che havevano tolto in mezzo il vero, i quali risplendevano maravigliosamente, et havevano ambidue una coda lunghissima, fu l'anno 1536.
− Locuste e cavallette nere in tanta copia per l'aria, che oscuravano il sole 1542.
− L'anno 1708, 7 gennaro fece un freddo così grande et eccessivo con buora e neve che s'aggiacciarono tutte le barene, Taglio, Adice, Po e tutta la laguna e canali della medesima fino li porti vicino al mare stesso, che la gente camminava sopra il giaccio, come in terra, replicò poi la nevera fino per cinque volte, in tutto con la stessa buora il 10 detto gennaro (…). Fu un freddo così grande e memorando che il vino sbalzava fuori delle botte per il coccone, et imputriva per l'aria, causò moltissime altre stravaganze che per brevità si tralasciano.
E, per finire, ’na nota storica relativa a la famosa Guera de Ciósa:
− L'anno 1380 li genovesi, assediati in detto anno, era tanta la fame che pativano in Chiozza, che si ridussero fino a trar le pelli dalli scudi, e radunar altri cuoi, e molificarli nell'acqua bolida, e così fatti meglio, che si poteva venir teneri, cuocerli e mangiarli.

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Cossa xela sta “rete”?
Parlemo de la “rete sociale” che no ghe entra gnente co quela de l’orto dove na volta se calava i poeji, e gnanca quela del sarajo de le galine, le ànare o le oche. La xe on ingrejo de “contati” tra persone che pole anca non conóssarse e che par mezo de Internet i mete in piè un mondo popolà da “amici” e amici de i amici.
de Mario Sileno Klein
 
Su la via de le spessie
Leggi l'articolo La vanilia
Profumo de Paradiso
de Luigi Frosi
 
Zente de Padova
Leggi l'articolo Lucrezia Dondi dall’Orologio Obizzi
de Arturo Baggio
 
Robe de Ciósa…
Leggi l'articolo Memorie d’altri tempi…
de Angelo Padoan
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo Quando i descarfojava le panoce
de Renato Scarpi
 
Da Verona
Leggi l'articolo El Popolo “migrante”
de Mirco Castellani