Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Romano Beltramini

“La Sguaratà” - Ciàcole polesane

Vida sana, vida nostrana

Quatro Ciàcoe
El buie in t’i tini e le gran bote i è pronte a ricéverlo perché el possa continuare a fermentare ciacolando, fra de lu, co borbotìi ch’i pare quasi lamentele de veci brontoloni mai contenti. E invesse, el vin novelo el ride perché l’è contento de deventare, un fià a la volta, ansian de prestigio co tanti nomi nostrani pieni de poesia e messagi de la nostra tera.
“Valpolicela, Merlot, Proseco, Tocai, Picolit” e, più zo in tel Polesine, “Clinto e Clinton”, un vero poema de profumo de vida e de gusto ca no se trova facilmente.
Veneto, tera benedeta co destirà de vigneti ca parte dal Nord e riva a Sud, slargàndose a Ovest e a Est, disegnando un teritorio co spenelà de grassia e belessa basà dal sole e tuta nostrana. Le bele vece cerimonie de na volta ripristinà a gudiolo de quanti assiste. La racolta de ua bianca e nera, lìnpida, brilante, colorata co bei grani. La missiansa in t’i tini co bele done in còtole curte a folare cla ua faséndola deventare vin novelo. Canti de cori. Assagio del primo capolavoro dolse e invitante e, perché no, ciavarin perché el te ciama a béverghene senpre de più, lassando vegner fora de cle bale ca se svilupa in gran feste e cantà.
I sùgoli, meraveioso prodoto preparà da le done de casa a delissia de i palati più rafinati, la grapa da le graspe strucà, sano liquore ca score zo per la gargata, portando un caldo guaritore al stómego senpre che la sia aministrà co sapiensa.
E, dopo, la messa a dormire del vin perché el se invecia in te le bote, el mucia giudissio e gradassion e el deventa chel nobile prodoto de tera veneta ca va in tuto el mondo. Questa l’è richessa che, in t’i ultimi ani, s’à fato strada, portando, in particolare el “Proseco”, in tute le nassion con na corsa che à vinto ogni canpionato e, de ano in ano, aumenta el so valore e el traguardo de quela ca la precede.
Dunque, co volemo bévere ben, cossa ’ndémia a sercare fora da la nostra tera? Ghemo tuto qua, soto man, a un tiro de s-ciopo, ghemo el mèio e de più. Bevemo del nostro e démoghe al nostro corpo un prodoto nobile e san ca lo rincuora e ca ghe fassa passare pensieri e melanconie.
El Signore n’à voludo ben anca in te sta forma e nantri, fedeli al canto “bevevano i nostri padri” onoremo sta predilession sia pure co giudissio e giusta misura.
E, insieme al vin pressioso del Veneto, vardémose intorno anca co i altri prodoti de la tera nostra. Fruta e verdura ca respira el profumo del mare e dei laghi, ca cresse in te na tera coltivà co giudissio e passiensa da ani e ani de sapiensa contadina e che la se lassa bagnare da piova sincera e basare da un sole splendente e soridente. La mucia un gusto tuto nobile e dal saore inimitabile. Perché, dunque, lassàrselo scapare? Fruta e verdura veneta, a chilometri zero, ca vol dire vissin a casa nostra, e pronta anca in t’i orti e in te le canpagne ca la vende diretamente e che le dà sicuressa su la provenienza. E quando ca se va in te le boteghe e in t’i supermercati è ben lèzere co atension prima de conprare. Sia vin, sia fruta e verdura e anca altri prodoti, ga da avere preferenza se i canta in Veneto e se le etichete le ne dà sicuressa perché el “ Veneto… cunta” e… fa scuola!

[torna sopra]

 

Archivio
2017 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Otobre
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Ciao, cari Wanda e Milosc…
Oncora na volta ne toca saludare persone care che xe ’ndà ’vanti e che ghemo fato tanta strada insieme par difèndare e salvare el nostro dialeto che ’l rapresenta el passato e, in parte, anca el nostro presente
de Mario Sileno Klein
 
Zente de Padova
Leggi l'articolo Giovanni Battista Bassani
de Arturo Baggio
 
Da i Coli Euganei
Leggi l'articolo El nostro Barba Gigio
de Gemma Bellotto
 
Tesori de casa nostra
Leggi l'articolo Vìvare Venessia
de Armando Mondin
 
“La Sguaratà” - Ciàcole polesane
Leggi l'articolo Vida sana, vida nostrana
de Romano Beltramini
 
Da San Stefano de Zimela (VR)
Leggi l'articolo 1952, xe rivà la Fantasiensa
de Antonio Corain