Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Arturo Baggio

Zente de Padova

Alessandro Varotari

L’incredulità di San Tommaso, (1610) cesa de Santa Lucia, Padova.
L’incredulità di San Tommaso, (1610) cesa de Santa Lucia, Padova.
Scene allegoriche di putti, ojo su tela, 67,5 x 94 cm.
Scene allegoriche di putti, ojo su tela, 67,5 x 94 cm.
Venere e Amore, ojo su tela, 85 x 109 cm, Museo Correr, Venezia.
Venere e Amore, ojo su tela, 85 x 109 cm, Museo Correr, Venezia.
Alessandro Varotari, dito “Il Padovanino”, xe nato a Padova el 4 aprile 1588 e el xe stà un valente pitore.
So pare Dario el xe stà un bravo architeto e pitore de scola veronese. Scartà el fato che el gabia inparà el mestiere da so pare parché quando el xe stà orfano apunto de so popà el gera massa putèo, pararìa che comunque el sia cressùo artisticamente nel giro de la fameja. El Boschini nel 1674 ga dito che “Il Padovanino” el se ga formà, studiando i dipinti del giovane Tiziano ne la “Scuola del Santo” a Padova, indirissà dal so maestro Damiano Mazza, altro pitore padovan de scola tizianesca.
Alessandro Varotari el ga scominsià a piturare qua a Padova. La so prima tela “L’incredulità di San Tommaso” la xe stà fata par la cesa de i Eremitani e che ’desso la xe ne la cesa de Santa Lucia qua in sità.
Del stesso periodo xe la “Pentecoste” fata par la “Scuola dello Spirito Santo” a Padova e ’desso a le “Gallerie dell’Accademia” a Venezia. Nel Duomo de Padova se pol védare la “Madonna col Bambino”, altro so dipinto.
Nel 1614 “Il Padovanino” el se trasferisse a Venezia dove dal 1615 al 1639 el risulta iscrito a la “Fraglia dei pittori”. Qua el dipinge nel 1630 la “Madonna con il Bambino ed il progetto della Basilica della Salute” che se trova ne la Basilica de Santa Maria della Salute a Venezia. Naltro dipinto che se trova a Venezia xe el “Miracolo di San Domenico” ne la Basilica de i Santi Giovanni e Paolo.
Sucessivamente el va a Roma dove che el ga ricopià i quadri de Tiziano “Baccanale degli Andrii” e el “Bacco e Arianna”, copie che ’desso le xe a “l’Accademia Carrara” de Bergamo.
Qua a Roma l’entra in contatto co la corente del naturalismo post-caravagesco, ma anca co quela classicistica a chel tenpo inpersonà da Annibale Carracci, Francesco Albani e el Domenichino.
Ste esperiense, come che el dize el studioso Fiocco nel 1929, fa de lu “un cinquecentesco naufragato nel Seicento, un onesto ritardatario, che non poté far grandi voli, ma insegnò alla scuola fiorente a rispettare il passato, non a saccheggiarlo.” Infati el gaveva roto con l’academismo dissendente da Palma el Giovane e sta operassion doveva èssare fata co coragio e no’ sensa rischi. Varotari el manteneva i so legami artistici co el giovane Tiziano che par un veneto voleva dire la classicità stessa. El ga savudo tratare tuti i temi de Tiziano, i forti co robustessa, i gentili co grassia, i eroici co grandiosità.
Par tornare a la so produssion, par el Refetorio de San Giovanni di Verdara qua a Padova el ga realizà nel 1622 “Le nozze di Cana”, che uncò le se trova a la “Scuola Grande” a Venezia. Secondo el Pallucchini, altro studioso, sta pitura ga “costituito la prima poderosa diga contro la tumultuosa mareggiata del tardomanierismo palmesco.”
Senpre de ispirassion tizianesca xe la “Betsabea al bagno” che se trova al Museo Civico de Padova. Co l’andar del tenpo el Padovanino se matura e verso i quarant’ani te lo trovi che el ga na sorta de barochismo specialmente ne i dipinti de i episodi de la vita de Sant’Andrea Avellino a Venezia, a San Nicolò dei Tolentini. El continua su sta strada anca sul “Ratto di Europa” che se trova ne la Pinacoteca Nazionale de Siena.
L’ultima so òpara, documentà co certessa, la xe la “Pala delle milizie” fata nel 1641 par el Duomo de Palmanova.
Riporto a conclusion quanto el ga lassà scrito ancora nel 1929 el studioso Fiocco su Alessandro Varotari: “Il Padovanino che aveva avuto la ventura di nascere fra due secoli, ne fu come il conciliatore, lieto di tramandare rispettata la voce della tradizione, di cui tutti i suoi compagni veneti si erano burlati.”
A Venezia el 20 lulio 1649 el passa a milior vita.
Cossa se pol dir de sto pitor? Che el ga subìo l’influensa de una gran artista, el Tiziano, ma che de suo el ga dà tanto. Mi go sercà de strénzare le me quatro righe el più possìbile, ma ghe sarìa da scrìvare tanto de più su Alessandro Varotari, da no confóndare né co so pare né co so fiolo, altri artisti de valore tuti dó de nome Dario. Par Alessandro, qua a Padova, la via a lu dedicà la va co ’l nome de “Via del Padovanino”.

[torna sopra]

 

Archivio
2018 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Sognare par èssare felici
I dise che el Carnevale el dura massa poco: forse bisognarìa slongarlo parché, co la so confusion e le so matane provocatorie, l’inpiza la voja de felicità, che ghe n’avemo tanto de bisogno. No podendo canbiare le règole de sta festa, sarà ben dedicarse a la cultura de le bone intenzion par inparare a èssare felici.
de Mario Sileno Klein
 
Zente de Padova
Leggi l'articolo Alessandro Varotari
de Arturo Baggio
 
Da i Coli Euganei (PD)
Leggi l'articolo Cantè, gente! Xe qua Sanremo!
de Gemma Bellotto
 
Da Mestre-Venezia
Leggi l'articolo El libro de i ricordi
de Annalisa Pasqualetto Brugin
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo A go on sosia!
de Renato Scarpi
 
Da la Bassa Veronese
Leggi l'articolo Tanti inverni fà…
de Lucia Beltrame Menini