Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Luigi Perini

Aniversario, in triestin

Leonardo
a zinque secoli da la morte

Autoritrato de Leonardo, 1510-1515, sanguigna (Biblioteca Reale, Torino).
Autoritrato de Leonardo, 1510-1515, sanguigna (Biblioteca Reale, Torino).
L’Ultima Cena, dopo el restauro. (1495-1498, 460 x 880 cm, S. Maria delle Grazie, Milano).
L’Ultima Cena, dopo el restauro. (1495-1498, 460 x 880 cm, S. Maria delle Grazie, Milano).
Vinci xe un paeseto a 43 km a ovest da Firenze, ’desso el ga circa 15.000 abi­tanti, ma cò ghe xe nato Leonardo, el 15 aprile 1452, el doveva avérghene ’sai de meno; el paeseto el ga na superfice de 54 km².
El tenpo de Leonardo xe segnà da dó fati che i canbia la vita de l'umanità: l’in­venzion de la stanpa e la scoperta de l'America; ma ghe dovemo méter vizin le nuove filosofie de l'umanesimo, che le meti al centro de l'universo l’uo­mo e la rinàssita de le arti. Ma no dove­mo dimenticar l'aspeto sientìfico.
No se sa quando su pare Pietro lo ga­bi messo in te la botega del su grande amico Andrea Verrocchio; certo xe che in te ’l 1472 el xe inscrito in te la Com­pa­gnia di San Luca che racolieva tuti quei che voleva far pitura, seguendo zerte regole e in sto momento Leonar­do gaveva venti ani. Come ne conta Giorgio Vasari, Leonardo xe indagado insieme co altri tre zòvani da i “Ufficiali di notte” de Firenze. I alievi de le bote­ghe de pitura i aiutava el maestro a finir le su comesse, anche per quanto ri­guar­dava la scultura del legno e de i metali: Leonardo ricorderà senpre el lavor fato co ’l maestro su la bala de rame per la lanterna de la cupola de Santa Maria del Fiore.
El primo disegno de Leonardo in sta botega xe conservado a i Uffizi e el xe fato su tela de lino con penel nero e bianco, come usava tuti i alievi del Ver­rocchio. El rapresenta na montagnola da la quale vien zo una cascatela; pre­sto el Maestro ga capì la predisposizion del su alievo per la natura. El su primo quadro se trova in te la National Gallery of Art de Washington e el rapresenta la Madonna della Melograna secondo el modo de far de la scuola del Verrocchio.
Nel 1478 Leonardo ga ricevudo da i Priori el cònpito de rifar la pala de san Bernardo nel Palazzo de la Signoria, ormai sbiadido, per el quale el ga cia­pado 25 fiorini, na bela soma. Za in te ’l “Battesimo di Cristo” a i Uffizi se conti­nua a veder el nuovo stile de Lonardo e questo per dó motivi: la descrizion de la natura e el modo de concepir i sguardi de le persone. Cò Leonardo lassa Firenze per andar a Milano, el xe za un pitor formado perché el ga fato dó comission inportanti: el “San Giro­lamo” (in Vaticano) e “l'adorazione dei Magi” (Uffizi). Lorenzo il Magnifico man­da Leonardo a la corte de i Sforza per far sène de teatro, maschere e costumi per le giostre e inveze el pitor fiorentino, in te ’l 1483 el devi piturar “la Vergine delle rocce”, ’desso al Louvre, ma un quadro simile se trova a Londra e per questo xe stà fata la data del 1506.
A Milano Leonardo fa anche l'architeto, metendo le man su el tiburio del Duomo (strutura circolare che tiene sù la cupola). E el lavorava insieme a Donato Bramante a restaurar altre cese, ma anche el castel de porta Giovia abitado da Ludovico (castello Sforzesco).
Leonardo se dedica a studiar soratuto la figura umana, anche se per un momento el pensa de far el fonditor de bronzo, per un enorme monumento a Gian Galeazzo Sforza, poi non eseguido. In te ’l 1498 xe finido el “Cenacolo”, piturado nel refetorio del convento de santa Maria delle Grazie, ordinà a Leonardo da Ludovico il Moro. Nel 1499, i francesi i avanza in Lombardia e Leonardo se rifugia a Mantova da la marchesa Isabella d'Este, che gaveva visto la “dama con l'ermellino” e ghe domanda de farle el ritrato: xe stà fato solo un carton preparatorio (oncò al Louvre).
Dopo el va a Venezia e la Serenissima ghe domanda de studiar le difese contro i assalti de i turchi. In seguito el va a Roma, semo in te ’l 1501, el ga raporti co Papa Alessandro VI Borgia e co ’l fiolo Cesare Borgia, ciamado el Valentino, che el gaveva za conossudo a Milano. El va anche a Tivoli a veder i ruderi de la Vila de l'inperator Adriano. Da qua a Firenze, dove el trova el segretario del re francese Luigi XII, ma in sto momento vien avanti grandi rivolgimenti politici. Per un poco el xe al servizio del Valentino e cò mori el re de Francia, Leonardo va a Urbino, dove el disegna la capela del Palazzo Ducale, a Pesaro, Cesena, Cesenatico e infine a Piombino. Cò vien sù el Papa Giuliano de Medici el va co lu a Bologna dove el incontra el novo re de Francia, Francesco I che lo invita nel su Paese. Cussì nel magio del 1517 Leonardo el parti per la Francia co’ dó su alievi fra cui Francesco Melzi, portàndose drio el quadro la “Gioconda”; el riva a Amboise in te ’l castelo de Cloux. Al re Francesco I el ghe prometi de progetar arnesi per la difesa del su Paese. Cò el mori, el 2 magio del 1519, el ghe lassa a el Melzi tuti i su manoscriti (scriti da destra a sinistra, perché era mancino) i disegni, i so strumenti e i quadri. Nel codice Atlantico xe riportade tute le su invenzion, come el paracadute, el caro armato e el sistema de volar come i osèi.

[torna sopra]

 

Archivio
2019 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Mi, senpre mi, solamente mi!
Canbia el raporto tra le persone, aumenta la malatìa da protagonismo che la fa gonfiare l’omo ma no la lo farà mai zolare; cresse la crisi de na socetà che se slontana senpre de pi dal vìvare civile. Dove stalo el problema?
de Mario Sileno Klein
 
Zente de Padova
Leggi l'articolo Lorenzo Pignoria
de Arturo Baggio
 
Aniversario, in triestin
Leggi l'articolo Leonardo
a zinque secoli da la morte
de Luigi Perini
 
Da Lugo de Vicensa
Leggi l'articolo Tiro a la sàgoma
de Giuseppe Segalla
 
Da Verona
Leggi l'articolo Arturo Ferrarin
el “veneto co’ le ale”
de Mirco Castellani
 
Da Legnago (VR)
Leggi l'articolo La legenda de la spiga del formento
de Franca Isolan Ramazzotto