Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Antonio Giraldo

Da Arzergrande (PD)

Hiroshima, 6 agosto 1945, ore 8.15
Létara scrita al mondo da naltro mondo

Quatro Ciàcoe
Quatro Ciàcoe
Hiroschima, Parco de la Memoria.
Hiroschima, Parco de la Memoria.
Eà jera na matina piena de gioia.
Caminavo a ridosso de i giardini e tuto profumava de vita. Eà me età zóvane faseva sì che tuto fusse beo. El tenpo passava e no me ne incorzevo.
I fiori ne ’e aiòe i jera alti quasi come mi e de mie coeori.
Come ogni matina passavo e ’i ’caressavo e provavo senpre un senso de gioia.
Un fià de aria me portava solievo e me faseva, par un poco, desmentegare che ghe jera na guera inpiantà e che ogni dì el boetin de guera diseva quanti morti che ghe jera stà.
De un trato, caminando, go visto na roba par aria, come na luce forte… me so’ sentìo spostare de colpo.
Co vioenza so’ ’ndà a sbàtare ’dosso un muro e nel fratenpo na grande nùvoea de pólvare portava via tuto queo che eà incontrava.
So un àtimo go visto na dona co eà carossina voeare via e alberi che vegneva sradicà come che i fusse piume e i fiori, tanto bei, masenà e dispersi so quel vento che saveva de morte.
E subito dopo, na tenpesta de fogo me xe vegnùa incontro e me so’ sentìo perso.
Da eóra, el me corpo ga finìo de esìstare… nessun èssare vivente se ga salvà.
Da in alto in alto, vedevo tuto queo che jera drio capitare e me domandavo el parché de tuto questo.
Magari par un metro de tera o par na paròea fora posto, ’ita da qualcuno che so quel momento el gaveva eà luna par traverso. Nessun motivo dovarìa èssare vàido par inpiantare na guera.
Ma, chissà quante altre robe fa scatare eà mòea.
Robe che eà zente sènplice come noialtri, no poe gnanca imajinare.
Zente che vive dì par dì, che se consuma a forza de laorare, che se preocupa par eà fameja.
So’ rivà so un scain pi alto e da quea volta vedo robe che prima no vedevo, no capivo.
Da qua de sora no ghe xe barufe, no ghe xe odio, no ghe xe rancori.
Me xe stà fato fare un passo che no imajinavo; sarìa stà zo voentieri anche par capire cossa che sarìa deventà da grande. Ma ’desso capisso che nessun xe paron de ’à so vita e tantomanco del materiàe che tegnemo cossì tanto vissin e par el quae, tante volte, vien fata anche na guera.
So’ so naltro posto a védare i erori che se continua a fare e i soterfugi che se atua a scapito de ’a pora zente.
Eà Tera ’ndove che se vive, eà conpensa co eà so beéssa tuti i pensieri che se vien a creare par tante pìcoe robe.
Resta un mistero el modo co el quae l’omo el riesse a concepire eà cativeria.
A eà cara Tera e a tuti i so abitanti, vorìa scrìvare na létara par ricordare che l’amore ghe xe oncora e che bastarìa sóeo vardarse dentro…
Ma da qua, ’ndove che so’, posso sóeo sperare e co tae speranza, stare a vardare.

[torna sopra]

 

Archivio
2021 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Sèrveli oncora i nostri veci?
Dopo la prima “Giornata Mondiale dei Nonni e degli Anziani”, vossuda da Papa Francesco, xe necessario interogarse sul valore de ste figure che rapresenta le nostre raise e ne tramanda le so esperienze de vita. I noni e i anziani i xe el presente che ne permete de passare da i ieri al doman.
de Mario Sileno Klein
 
Da Arzergrande (PD)
Leggi l'articolo Hiroshima, 6 agosto 1945, ore 8.15
Létara scrita al mondo da naltro mondo
de Antonio Giraldo
 
Da la Bassa Padovana
Leggi l'articolo San Martin
On straniero adotà dal Veneto par el “Capodano agricolo”
de Roberto Soliman
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo Ricordi ca no' more
de Laura Viaro
 
Da Adria (RO)
Leggi l'articolo L’arpìdio
de Sergio Bedetti
 
Da Verona
Leggi l'articolo Na bona assion
de Giacinta Dall’Ora