Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Milosc Voutcinitch

Visti da vissin

Emma Borsetto Pizzolato
Trovar la vena par scrývare ne la terza etÓ e comunicare i propri ricordi

Quatro Ciàcoe
La siora Ema drio mostrare la fotografýa del marýo
Quel folio desmentegÓ su un tavolo de la biblioteca gaveva atirÓ le me curiositÓ e cussý lo go leto. La gera na bela storia quea scrita da la siora Emma, che la testimoniava el ricordo de un giorno particolare de tanti ani indrýo.
Go av¨o s¨bito voja de conˇssare sta persona, e domandarghe se podevo publicare el so raconto. La me ga acolto ne la so casa a Bassan, proprio rente el Ponte dei Alpini; la me spetava, in conpagnýa de na so amiga, come se convien na persona de sesto.
Gavemo ciacolÓ par un bel t˛co e de raconti ghe ne sarýa vegn¨ fora raquanti, parchÚ in tuto la saveva mÚtare in mostra la unicitÓ del ricordo. La ze afessionÓ a la freschessa del so dialeto che, el ze de s˛lida base venessiana de Cannaregio, ma che el tempo ga inbastardÓ co queo de teraferma, de mira Porte, prima, e de Bassan, dopo.
Mi devo Ŕssare sincero e dirve che sta "scritrice" casalinga le me ga imagÓ, ma no vojo condissionare nissuni e par questo a vegno s¨bito al raconto come che lo ga scrito ela, anca co la zonta finale, co tanto de firma.

29 DICEMBRE 1940, giorno del me matrimonio

Da quel dý che me son maridÓ pi¨ de 60 ani xe passÓ, me par che sia stÓ ieri parchÚ non me desmentegar˛ mai quel che me xe capitÓ.
Quanto fredo e quanta neve ghe gera par tera, parchÚ a quei tempi i inverni i gera proprio rýgidi: 'a neve restava par mesi su 'e strade, ma el fredo ancor de pi¨ dentro in te 'e case.
Come se, in quel giorno, questo no 'l bastasse, se gera messa anca 'a Cesa che a quei tempi 'a gera molto severa: se voevo fare 'a Comunion dovevo stare a digiuno da 'a mesanote.
E mi el giorno prima no' gavevo magnÓ quasi gnente al pensiero de abandonare el me paese par andare a vývere a Bassan e tanto manco gavevo dormýo ne 'a note par l'agitassion.
E cosý mi, p˛vera sposina, son rivÓ in cesa a 'e 11 de 'a matina, sbasýa, sfinýa, tanto emossionÓ e con i brývidi che i me 'ndava su e zo par 'a schena.
Dentro in cesa ghe gera pi¨ fredo che fora e mi gero deventÓ dura come 'a statua de 'a Madona che gavevo davanti.
"Signore - go cominšiÓ a dire - fa' che sta messa finissa in pressa". Gavevo na siera adosso come de una che d'inverno vien s¨ dal fosso sensa gnente indosso. Finalmente 'a messa a xe stÓ finýa, ma apena rivÓ su 'a porta de 'a cesa me trovo n'altra rassion de fredo; ghe gera pronto el fot˛grafo che 'l ga cominšiÓ a dire: "Metetevi tuti in posa". E mi, dura come un steco, me ga tocÓ farghe anca un soriseto. Pensavo: "Adesso 'a sarÓ finýa". Ma no xe stÓ cossý parchÚ tra mÚtarse 'a strassa nera in testa, dirne ogni momento: "Pronti... pronti" e strucare el pereto de goma el ga tirÓ 'vanti un bel t˛co.
Finýe 'e foto, se semo saludÓi, parchÚ a quei tempi i parenti i gera tanti, ma i schei pochi, e ognuno xe andÓ pa 'a so strada. E mi, sensa mÚtare gnente soto i denti e ancora a digiuno da 'a mesanote, son 'ndÓ co' me marýo in stassion.
RivÓi a Padova se sentimo ciamare e mi gˇ dito: "Varda che gentýi quei de 'a tratorýa, i ne ga mandÓ a tore". Alora montemo su 'a carossŔa e mi, tuta contenta, go dito. "Adesso finalmente 'ndaremo a magnar qualcossa. El cavaeo per˛ no 'l voeva pi¨ partire; poareto, forse el gaveva pi¨ fame e pi¨ fredo de mi.
Dopo un poco che 'ndemo a spasso ghe domando al paron del birocio: "Sior, quanto ghe manca a rivar a sta tratorýa?"
E lu el me risponde: "Mi, siora, no centro gnente co'a vostra tratorýa. Mi son adeto a fare el giro panoramico de 'a citÓ".
Alora mi ghe rispondo: "A mi no me interessa proprio gnente de vÚdere el panorama; noialtri gavemo bisogno de magnare!".
Finalmente el ne ferma a sta tratorýa e gera za i do boti. Apena che go visto el cameriere no go spetÓ che 'l me diga cosa che desidero, ma ghe go dito s¨bito: "El ne porte in freta na minestra bea calda". E quando che 'a go vista 'rivare me son sentýa ressusitare. Ma nel pi¨ beo che so' drio a mÚtare in boca el primo cuciaro de minestra, riva el segnÓe del giornÓe radio e sento dire: "Signori, per ordine del Duce, tutti in piedi! Vi trasmettiamo il bollettino di guerra."
E anca mi go dov¨o alsarme in pie anca se ormai me sentivo cascare par tera, Intanto 'a minestra se giassava e 'e me gambe 'e gera pi¨ congeÓe de quei che gera in guera. E go pensÓ: "Se questo - come i me ga dito - el xe el giorno pi¨ beo de 'a me vita, come sarÓi i altri?"
A onor del vero devo dire che i altri giorni i xe stai mŔjo. Ma qua cominšia 'naltra storia che ve contar˛ 'naltra volta.
Mi sono dimenticata di aggiungere che ci siamo sposati in fretta per non pagare la tassa del celibato; imposta del Duce.
Cordialmente


[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Novenbre:

Editoriale
Leggi l'articolo Chi xe che ga paura del crocifisso?
Come on fungo de stajon, eco che taca la frinfrogna: via da le scole el crocifisso!
ParchÚ? Ghe xe da vergognarse Ŕssare cristiani?

de Mario Klein
 
On personagio stranbo
Leggi l'articolo Domenico Mandelli, el "Canpanino"
de Mario Galdiolo
 
Visti da vissin
Leggi l'articolo Emma Borsetto Pizzolato
Trovar la vena par scrývare ne la terza etÓ e comunicare i propri ricordi
de Milosc Voutcinitch
 
Robe de Ciˇsa
Leggi l'articolo El do de novembre
a cura de Angelo Padoan
 
Da Verona
Leggi l'articolo Par un biron in pi¨
A zontarghe un biron a la scala, sýnbolo de i Scaligeri, l'Ŕ stÓ quel megalomane de Cansignorio, malÓ del cosideto "mal de la piera"
de Wanda Girardi Castellani