Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Gemma Bellotto

Da i Coli Euganei

El fiore de biancospin

Quatro Ciàcoe
Eco come la natura trata l'omo, anca se de 'e volte no 'l se lo mèrita. (foto G. Bellotto)
Questo xe on fiore che se trova, o mèjo, se trovava, sora le siese che circondava i nostri canpi ma ghi ne xe restà poche; chissà mai quando qualcun se acorzarà de quanto sia stà sbalià cavarle quasi tute par sostituirle co la rete, tegnù sù co i pali de cemento e, qualche volta, dal reticolato. Mi, personalmente, son senpre stà contraria a eliminare le siese. Ogni volta che go visto cavàrghene una ghe go on po' soferto, come se vedesse sparire on pìcolo mondo de 'a natura, co i so gnari, i griji, le farfàe e, sopratuto, le piante spontanee. Cussì, on pochetin de siesa arente casa son riussìa a conservarla in modo che posso gòdarme ancora la fioritura del biancospin.
El xe uno de i primi che fiorisse, o mèjo, na volta se diséa "spanisse", in primavera. Difati, quando el primo sole de marso comissia a scaldare, co le so caresse tièpide, le so rame ancora nude, sensa foje, eco che el biancospin (che noantri se ghe ciamava brunbiolaro parchè i so fruti gera i brunbiòi) comissia a svejarse, metendo fora i bòcoi tundi e picinini, uno arente a l'altro. Pare che 'l sia questo on modo par ringrassiare el sole e par farse védare par primo ancora vivo dopo el giasso de l'inverno. E 'na bea matina, poco tenpo dopo, te vidi che, sora la siesa nuda, qualcun ga spranpanà brancà de fioriti bianchi, picenini, che da distante i pare proprio pizegoti de sùcaro. In poco tenpo le mace bianche se slarga diventando on "macion" tuto ricamà de fiuri. E xe come se, da on momento a l'altro, fusse vegnù fora ridendo, da de drio de 'na nùvola, la primavera e ghe fusse cascà el sesto pien de fiuri proprio lì, sora 'ste rame. E xe queo el momento che mi me incanto lì davanti a 'sta spece de miràcolo che me fa vegnere in mente la famosa poesìa de Ada Negri, grande poetessa del passato che, cantando el mandorlo in fiore, la diseva cussì: "...e io contemplo, ferma sulla soglia dell'orto, il pio miracolo dei fiori, sbocciati sui rami senza foglia... che tremano già dal vento alla carezza..." e, par finire, la diseva: "...e se ne va così la tua bellezza, come una nube, come un sogno muori, oh fiorita di marzo, oh giovinezza! "
La me emossion davanti a la fioritura de marso xe diversa da quea de la grande Ada Negri, parché, fin da pìcola, vardando 'ste siese vestìe de fiuri bianchi, le go senpre paragonà a spose che pronte, vestìe tute de bianco e veli trasparenti, speta el sposo in tel dì de le nosse, par andare a maridarse. Va ben, ognuno ga la so fantasìa ma tuto chel splendore, chel slusore de 'sti fiuri visti de prima matina, bagnà de brósema, me ga senpre comossa. E ancora me incanto, lì davanti, a vardare in silensio, respirando a oci sarà chel'odore, dolse e aspro in tel stesso tenpo, che me regala i fiuri del me brunbiolaro, rancurando cussì i primi respiri de 'a nova primavera, che parla de nova vita. In te 'sto momento, me torna in mente chel dì, de qualche ano fa, che xe passà la machina moderna par tosare la siesa. A la fine, me son trovà a passare par lì e me son vista davanti la siesa tuta sconquassà, tajà in te 'na maniera che me faséa proprio pecà. Le rame del biancospin, tute scavessà, pareva che le pianzesse.
Dopo qualche tenpo me son acorta che, da 'ste rame scavessà, spuntava qualcossa de bianco. Andando lì arente, go scoperto che i gera fiuri, vegnù fora proprio dove che le rame gera sta rote. La primavera gera passà da tanto, i gera proprio fiuri fora stajon, come càpita, a volte, dopo 'na grande tenpestada. E mi me so' comossa ancora 'na volta e me pareva che chei fiuri bianchi i portasse quasi on messajo, come se i disesse a l'omo che bisogna perdonare, cussì come gavéa fato el me biancospin che, dopo èssere stà maltratà el gavéa butà fora brancà de fiuri par dirne de deventar pi boni e de volerse pi ben.
Me ricordo in 'sto momento che nantra volta, tornando da scola in bicicleta, me pareva de aver visto on fior de biancospin drio 'na siesa, ma sicome che vegneva zo le prime faive de neve, i me conpagni i diseva che la gera neve, fasendo scomessa che no 'l gera on fiore. Semo tornà indrìo, girando la bicicleta e lì, sora la siesa, in mezo a le faive de neve, ghe gera proprio on fioreto, tacà a on rameto scavezà da poco. Cussì chea volta, mi go vinto la scomessa.
Serto che, a volte, bastarìa vardarse on pochetin de pi atorno co intaresse, parché 'ste robe no le ghe xe solo par mi, le xe lì par tuti. Ma chi, o quanti mai ga tenpo, al dì de oncò e ghe par che sia el caso, de volerghe ben a on tocheto de siesa vecia e de vardare la so fioritura, ringrassiando el ceo co riconossensa par na brancà de fiuri de biancospin?

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Marso:

Editoriale
Leggi l'articolo Pati ciari... amicissia longa
Xe ora de métar zo piere de confine tra le sfaciate pretese de i "diversi" e la normalità de chi vive... come dio comanda!
de Mario Klein
 
Na dona e l'emigrassion
Leggi l'articolo Na dona da conóssare
de Luigi Frosi
 
Da i Coli Euganei
Leggi l'articolo El fiore de biancospin
de Gemma Bellotto
 
Da Belun
Leggi l'articolo "Promossa a l'Asilo"
de Luigina Tavi
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo Sento proverbi sento...
A cura de Maria Damonte
 
Tradission del mese (in visentin)
Leggi l'articolo El Vènere Santo
de Antonio Maraschin