Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Luigi Frosi

Na dona e l'emigrassion

Na dona da conóssare

Quatro Ciàcoe
La prof.sa Vitalina Maria Frosi drio conóssare Quatro Ciàcoe e el nostro Luigi Frosi.
Vitalina Maria Frosi, na dona de orìgine italiana, nata in Brasile, la insegna a l'Università de Caxias do Sul, dove che la vive quasi da senpre. Qua da nialtri sto nome el dise poco o gnente, invesse chi che la conosse xe quei che se intaressa de emigrassion e de studi su la lingua originale de chei posti, al de là de l'oceano, dove tanti nostri antenati ga sercà fortuna 130 ani fa. Anca par mi conóssarla xe stà na novità parché, quando me son inbarcà a fare de le ricerche par de i parenti brasiliani che gera emigrà nel 1887, xe saltà fora anca el so nome. Me ne gheva parlà anca la poetessa Luigina Bigon e po' Daniele Marcuglia, nostro colaboratore che l'altr'ano el ga partecipà al convegno Lingue e Dialetti, a Sappada, e che 'l la ga incontrà.
Incuriosìo de sto fato, co me fiolo Andrea, semo entrà in internet e ghemo trovà sto nome ne la rivista "Chronos" de l'Università de Caxias 'ndove la nominava come una de le prime ricercatrici su le lingue dialetali vènete nel Sud del Brasile. Son vegnùo cussì a savere che la gheva publicà un libro co ben 1554 proverbi che sta zente doparava come sagessa popolare, proverbi in dialeto vèneto, lonbardo e belunese, visto che queste le gera le so raise de orìgine. Dal professor Cortelazzo go savùo anca che la ga scrito, in colaborassion con Ciro Mioranza, publicà nel 1983 a Caxias do Sul, un grosso volume, "Dialetos Italianos: um perfil linguistico de Rio Grande do Sul", un inportante tratato che descrive come che la zente ghe tignesse a la "lingua madre" al punto da presentarse ancora oncò come: "Mi son talian nassesto qua." Questo par dire quanto da chele parte, pur essendo passài 130 ani, la zente ghe tegna a far savere le so orìgini co orgolio e anca co nostalgìa.
Sta dona, la ghe tien anca a far conóssare quanto ga costà ai nostri emigrati otegnere i risultati che ancò i se tien in bon de mostrare al mondo: avere trasformà chele zone de bosco in sità progredìe e produtive, proprio confermando le so orìgini del nostro Nord-Est. In prinsipio la R.C.I (Regione di Colonizzazione Italiana) la gera considerà na zona de soto-svilupo ("parché formà da contadini italiani", la scrive la nostra professoressa). Parlare el nostro dialeto el gera segno de ignoransa e te vignevi segnà a déo, tanto da dover provare vergogna, se te parlavi la "lengua de to mare", cussì anca i vecioti ga dovesto adatarse a parlare el portoghese pa 'l ben de i fiòi. Parfin el governo de alora el ga deciso de fare na canpagna de nassionalizassion par brasilianizare sta zente che faseva fadiga a desmentegarse da 'ndove che i vigneva. Ancò però, grassie anca a l'inpegno de la Vitalina Frosi, ghe xe un ritorno al bilinguismo: proprio 'desso sta dona la xe drio fare na ricerca co la zente de la so sità, parché la xe convinta che xe inportante conóssare sta lingua, proprio parché drio al dialeto ghe xe anca tanti altri valori che xe stà trasmessi: el rispeto, l'inportansa del lavoro, la soidarietà, la fiducia in Dio e ne i Santi, le preghiere, l'onestà, l'inportansa de studiare, i proverbi e i deti popolari... Eco che sentirse "Taliani" xe l'ocasion par trovarse insieme, far festa, contarse le robe capitàe, parlare de tradission, ricordare le robe che i noni contava, xe vìvare na apartenensa al proprio popolo in un Paese cussì grando come el Brasile.
La prof. sa Frosi a l'Università la insegna Dialettologia e Bilinguismo, nel corso de specializassion in Lettere e Cultura Regionale e la xe orgoliosa de fare sto mestiere co passion, parché la rende felisse! La xe vignùa tante volte qua in Italia e la vien volentieri quando che i la ciama, parché la vol èssare senpre informà su le variassion del nostro parlare e par méterle a confronto col vecio dialeto che ancora incò i parla là zo. Ultimamente la xe stà a Feltre e a Cima Sappada a tignere na relassion sul dialeto parlà da i belunesi nel mondo e la tien nel so studio l'atestato de partecipassion, mostràndolo a tuti co orgolio e sodisfassion. N'altra gran emossion la 'a ga provà nel 1999 quando, nel so Paese, la ga vuo el Diploma-Trofeo "Premio Distinzione" de la Comunità Italiana, consegnà da la Associazione Culturale Italiana del Rio Grande do Sul.
Anca par ela, come par tante done nel mondo, fare sta cariera no xe stà fàssie, propio parché el maschilismo el xe ancora forte. "Par le done xe ancora fadiga dover superare de èssare viste solo come 'donna-oggetto' e de poco valore", la dise la Vitalina Frosi, ricordando de i proverbi che i so veci ghe gheva contà e che la ga scrito sul so libro: "Done, can e bacalà no i xe boni se no i xe pestà", e n'altro: "Se te voi che l'omo no 'l te toca, meti senpre aqua in boca" e un ùltimo pi scherzoso: "Co le bele o co le bone, se ghe palpa le culate anca a le done."
Par conclùdare, sta dona la dise de no sentirse tanto istruìa quanto la gavarìa volesto, ma la xe convinta de 'vere fata la strada giusta e cioè quela de aver fato tesoro de le so raise e nel stesso tenpo èssarse inserìa co padronansa ne la lingua del so Brasile che ancora ancò la insegna. Par dirla co i so proverbi: "A son brasiliana, ma ne le me vene a score sangue Talian!"
In te sto mese, dedicà a la dona, xe inportante conóssarghene qualcheduna come Vitalina Maria Frosi, che ga donà la so vita par la cultura e par ricordare sti emigrati che no ga nome, ma che continua a tegnere alto l'onore de sta rassa de "Taliani" che xe in giro par el mondo.

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Marso:

Editoriale
Leggi l'articolo Pati ciari... amicissia longa
Xe ora de métar zo piere de confine tra le sfaciate pretese de i "diversi" e la normalità de chi vive... come dio comanda!
de Mario Klein
 
Na dona e l'emigrassion
Leggi l'articolo Na dona da conóssare
de Luigi Frosi
 
Da i Coli Euganei
Leggi l'articolo El fiore de biancospin
de Gemma Bellotto
 
Da Belun
Leggi l'articolo "Promossa a l'Asilo"
de Luigina Tavi
 
Da Maran Lagunare (UD)
Leggi l'articolo Sento proverbi sento...
A cura de Maria Damonte
 
Tradission del mese (in visentin)
Leggi l'articolo El Vènere Santo
de Antonio Maraschin