Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Mario Galdiolo

Lavori de na volta

Storia de na mondina

Quatro Ciàcoe
Foto stòrica de mondine nel Novarese te 'l '52: Edda Ceretta la xe la seconda da destra.
Se se va in discorso de mondine, le done che 'na volta se spacava la schina par cavar le erbasse mate so le risare, chi che ga 'na serta età a ghe vien in mente de colpo on vecio film del 1949: "Riso Amaro". On film dove al de là de la trama che finisse in drama, mete in risalto la vita e le fadighe de tante nostre done ne le risare a metà del sècolo 'pena passà.
Qualche tenpo fà, discorendo co 'na cugina che no vedevo da ani, par la crònaca Edda Ceretta, nata e vissuda prima de sposarse a Arcole, in provincia de Verona, 'desso stabilìa in Francia, ma che de tanto in tanto la torna al paese dove la ga fradèi e nevodi, go scoperto che ne i ani '40-'50, proprio quei inmortalài dal film, éa la ga fato la mondina par davero e no par finta, in Piemonte. Sentio che la saveva e la se ricordava tante robe de riso e risare e fati vissudi, no go perso l'ocasion de sentire 'na testimone direta che la me contasse on fià de chel mondo de strussie. E cossì la ga comissià a contarme.
"A difarensa del Polésine, che gera uso semenare el riso ai primi de majo, nel Vercelese e Novarese i semenava da la metà de aprile fin a la fine del mese. Qualche dì prima de scomissiare, i sachi de riso destinài a la sémena vegneva messi in moja, in aqua, par 7-8 ore e, de le volte, a seconda de la qualità, anca 24-48 ore. El riso vegneva imbrombà ne l'aqua par far comissiare subito la germinassion e par far sì che i semi vegnesse più pesanti, in maniera che 'na volta inpiantài ne la tera e molà l'aqua, de la quale el riso ga bisogno, no i se alsasse rovinando la coltivassion. Noaltre mondine, vegnévino ciam°e par andar so le risare on mese, on mese e meso dopo la sémena. A la partensa dovévino avere quatòrdese ani conpìi, e quindi oltre che 'ver l'ato de nàssita (che qualche volta vegneva falsificà da i genitori de quee che ghi n'aveva manco), dovévino farse fare 'na dichiarassion da l'Uficio Sanitario del Comune che meteva che no gavévino malatìe infetive e gérino in condission fìsiche par lavorare in risara.
Ricordo che partìvino dal paese, mi da Arcole, altre da i paesi 'torno: Belfiore, Ronco, Zimella, Pressana, San Bonifacio ecc., e se catàvino in stassion dove rivava on teno speciale che ne portava nel Vercellese o nel Novarese. Rivàe so 'l posto, vegnévino inquadràe e caricàe so careti tirà da cavài o da on tratore e portàe so le risare. El lavoro vegneva fato a squadre, ogni squadra gaveva on capo, o 'na capa, che ne controlava, notava le ore so 'n libreto e tegneva i raporti co 'l paron. Vestìe co calse sensa pìe, riparàe da vestiti co le màneghe longhe, par difèndarse da le sansàe, e co le còtole rujàe in vita, on gran capèo de paja in testa, se incuciàvino e scomissiava la giornata. El lavoro nostro co i pìe soto venti çentìmetri de aqua (non de più in maniera che podéssimo distinguere el riso da le altre piante) consisteva nel cavare el giaon e altre erbe mate, s-ciaresare le piantine de riso dove le gera massa fisse, far masseti e caminando indrìo culo, reinpiantarle co 'l déo, piantina par piantina, dove che ghe gera s-ciaresole. El tuto in conpagnìa de qualche bissa, sorse aquarolo, sansàe e ogni altra sorta de bestioline.
Quatro Ciàcoe
La monda del riso, de sòlito vegneva fata na volta o do a distansa de 15-20 dì una da l'altra, ma de le volte ghe gera bisogno de fàrghene anca tre o quatro: alora stasévino in risara fin a la fine de lujo.
El contrato de lavoro par le mondine diseva che 'l paron doveva darne da magnare al dì 500 gr de pan, 300 gr de riso, 40 gr de grassi, 60 gr de fasòi, opure 300 gr de patate, 15 gr de conserva de pomodoro, un quarto de late, 10 gr de formajo da gratare, 15 gr de sale, in più setimanalmente 150 gr de formajo tènaro, 150 gr de carne, 150 gr de marmelata e meso litro litro de vin. Questo gera scrito, ma in realtà, forse mi e le altre che gera co mi semo stà sfortunà, parché el menù vario previsto, xe senpre stà oltre che al pan e late a la matina, on paston de riso e fasòi a mesodì e on paston de riso e fasòi a la sera. El contrato prevedeva, oltre a la paga, on kg de riso al dì e cussì a la fine se portàvino a casa chi 20, chi 30, chi 40 kg de riso a seconda de i dì che stasévino là. 'Na vita davero dura! E a la sera co 'ndasévino dormire so la paja, soto le grandi barchesse, co la schina in tòchi, ciapàvino sono co 'l pensiero che a la matina presto al levar del sole dovévino ricomissiare.
On anèdoto: xe capità on ano, no ricordo ben se 'l'49 o 'l '50, che i xe vegnùi a torne in paese parché 'ndaséssimo a lavorare in quanto gera in ato el primo longo siòpero nassionale de i contadini. So' partìa mi e naltre 5-6 amighe e, rivàe in Piemonte, gavemo catà la strada blocà da polissia, carabinieri e contadini. Quei che xe vegnù torne ne ga spiegà el modo par passare de ficheto evitando i blochi. Rivàe so la fatorìa, la parona par paura che i sioperanti scopréndone i ghe fasesse ati bruti, che i ghe brusasse le stale e i canpi, come che in altre parte e altri tenpi gera za sucesso, no la ga vossudo savérghene de tegnerne. Ma prima de mandarne via, viste le nostre face piene de fame, la ne ga dà 'na scuela de pan e late e la ne ga indicà 'na ceseta sconsacrà che se vedeva distante sperdùa in meso ai canpi e la ne ga dito de 'ndar là per la note, che a la matina dopo in qualche maniera la gavarìa provedùo. Semo rivàe a la ceseta sfinìe che gera sera. Pore tosate de 16-18 ani, piene de paura e de fame, sensa 'na coverta, sensa gnente de gnente, altro che i vestiti che gavévino indosso. La note gavemo dormìo, se fa par dire, inponaràe par tera una tacà chel'altra, tremando de fredo e de paura. Dio ga vossudo che a la matina, 'pena che se ga levà el sole xe rivà do màchine che ne ga portà so 'na fatorìa distante da i loghi de le agitassion sindacali, e sicome no gavévino gnanca i schei par tornare casa, i paroni par pietà ne ga fato lavorare tre dì e i ne ga dà chel tanto par el bilieto del treno. La xe stà 'na esperiensa bruta, che par fortuna e par volontà de Dio ghemo trovà bone persone e la xe finìa ben. Co i ani le robe xe canbiàe in mèjo, ma 'sti ricordi de la me gioventù no li desmentegarò mai e po mai."
'Na storia de vita contadina del nostro Vèneto, fata de strussie e sacrifiçi che sarìa ben ricordare pi spesso, parché no i vaga in desméntega.

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro

Dal nùmaro de Novenbre:

Editoriale
Leggi l'articolo Servire la Patria
Tenpo de rievocazion e ricordi, privati e pùblici: el ricordo de i propri cari... el xe senpre preciso, quelo che riguarda avenimenti stòrici che ga canbià el mondo... el se porta drio interogativi che ne fa pensare
de Mario Klein
 
Curiosità linguìstiche
Leggi l'articolo Parole squasi conpagne
Ospitemo un dialeto diverso dal nostro, che ga parole che ghe someja a le nostre
de Milosc Voutcinitch
 
Lavori de na volta
Leggi l'articolo Storia de na mondina
de Mario Galdiolo
 
Tradission nostrane
Leggi l'articolo La festa de San Martin
de Daniele Marcuglia
 
Robe de Ciósa
Leggi l'articolo I "morti"
de Angelo Padoan
 
Da San Bonifacio (VR)
Leggi l'articolo I çento ani de Bepi Polidoro
de Enzo Coltro