Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Lucia Cozzolino Masotto

Incontrar un poeta (in veronese)

Wanda Girardi Castellani
na poetessa speciale

Quatro Ciàcoe
Da bocia pensavo che non gavarìa mai avudo la fortuna de incontrar un POETA. Invesse i m'à presentà la Wanda Girardi Castellani. Se semo capide al trik, n'è bastà vardarse in facia par intèndarse. L'era tanto zóane e l'era un vulcan in piena atività: un marì, do fiói, la so fameja e quela del marì, i amissi, la poesia, i fòssili, l'astronomia i la inpegnava, ma la gaveva senpre tenpo par far qualcossa d'altro.
Quando la m'aveva regalà el so libro Pena e scoa, confesso che me aspetava le sòlite robe che diseva tuti i altri poeti in dialeto, ma da subito ò sentìo el sentimento, l'inpegno, se palpava el pensier. Fin da bocia, l'aveva respirado l'aria de i poeti: l'era stada amessa nel 1949 al primo Cenacolo, fondà da Berto Barbarani e insieme a ela ghe n'era tanti altri che scoltava e inparava.
Insieme con Faè, Beltramini, Zago, la Lucia Zago Fratton, la Mirka Bertolaso Nalin, Bepi Sartori, Bruno Etrari, Piero Sartori, Piero Piazzola, Toni Beltrame e qualche altro che non me ricordo, avemo pensà de darghe nova vita al Cenacolo. Butà zo el Statuto, n'è stà data la sede in Via Amanti; da lì l'è scominsiada l'aventura del novo Cenacolo che tanto fermento cultural porta ne la nostra Verona.
Come Segretaria del Cenacolo l'à sudà sete camise par tégnar insieme tante personalità così difarenti. Ne i ani '70 era stà messo in piè anca un Convegno Nassional de Poesia in dialeto. Suo el "Tinel de Poesia in Dialeto" in una de le prime television lìbare in Verona.
Intanto la faséa la racolta de primi premi de poesia in tuto el Vèneto. Andava in quei ani le poesie intorcolade, da mal de testa, che a la fine uno el se domandava se l'era stupido o se l'era veramente che non le se capiva. L'era una forma de Marinismo del '900, un'altra maniera par non dir Rococò. L'era la Nouvelle Cusine portada ne la poesia, indò che i te inpenisse el piato de gnente, i te fa magnar co i oci, bévar con le rece, pagar 'na barca de schei e dir che l'è bona par non far la figura de quel che vien da fora.
Le so poesie, che za le comoveva e le faseva pensar, le era deventade più inpegnade, tratando da i temi de le done (Noialtre l'è un sigo disperato contro tute le ingiustissie su le done, che po' le rinbalsa anca su i òmeni) a queli de la pension, del lavoro, de la casa, de i fiói, del tenpo, del'infinito, de 'amor, insoma, i temi eterni de a poesia sensa tenpo.
Mai gelosa de so scriti, a ghe ne fa parte con tuti. Chiunque pol andar da ela e domandarghe un parer, un aiuto a indrissar un verso un po' sopo, certo che ela non la lo farà mai pesar. Ghe ne conosso tanti che ancò i scrive,ma che i è passadi da casa sua con quaderno e pena biro par farghe lézar i so lavori.
Ne i tantissimi concorsi de poesia in dialeto che i è stà messi sù da ela, la s'à senpre batùo par l'inparsialità, a la ricerca de vosse nove e farle végnar fora, a çercar i giovani, parché l'è proprio con lori che non more el dialeto.
Nel so libro "Dedicado a l'Amor" la conclude una poesia con: "Vissuda par amar, l'à amà par vìvar".
Anca in Quatro Ciàcoe l'è stada una de le prime a mandar artìcoli da Verona e a incoragiar i altri a scrìvar.
Con Don Mario Gonzo l'à scrito tante cansoni par butini in dialeto. Giorgio Gioco el l'à çercada par serate de poesia nel so ristorante Dodese Apostoli. El premio del Villa Vento par i cantanti lirici l'è senpre òpara sua e la l'à portando fin sul palco de l'Arena.
La so poesia la se capisse senpre e l'è come una musica, proprio come la dovarìa èssar la poesia. In te un altro contesto l'avarìa podudo far schei a capelade, ne la publicità, par esenpio.
Bravìssima ne la sàtira che mete soto la lente de ingrandimento anca i difeti de le done. La s'à batùo contro la cosideta poesia grassa, indove se parla sporco, e se scrive vece barzelete in dialeto. Anca la retòrica e la maniera non le ga mai avudo inchiostro par la so pena.
L'è in corispondensa con filosofi, siensiati che ghe tien a parlarghe e a scrìvarghe e a lézar i so libri. Ne le scole l'à portado la vosse del dialeto, così distante da i nostri fiói che i dise de non capirlo, ma che i se insuca de cansonete inglesi, che i capisse ancora de manco. El poeta sicilian Ignazio Buttitta el ghe scrivéa che un popolo, quando che l'à perso la so lingua l'è propio stà sconfito.
Le so ricerche stòriche su Verona le fa scola. I grandi personagi par de védarli lì insima al fojo. Memorabile la so "Santi Quaranta": Cangrande de la Scala par che el sia lì darente.
Le fole del nono l'è una de le so più recenti fadighe e anca quele i è godibilissime. Belìssima la so Via Crucis, òpera de 'sti tenpi: la fa pensar e la ne catapulta ne i nostri giorni, indove che l'indifarensa par che la sia l'ùltima difesa in un mondo senpre piassè cruo.
Par definirse la se domanda: "Ci sonti?" e la se risponde: "'Na nina de tera con drento semensa de ciel".

[torna sopra]

 

Archivio
2018 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo L'onbra de la dona
Ormai ghe semo: ritorna puntualmente la FESTA DE LA DONA, la data de l'8 marzo, na ricorenza che ga perso el so significato originale. Se domandemo, a sto punto: "Xela na festa par la Dona o par la so onbra?"
de Mario Klein
 
Ricorensa
Leggi l'articolo Ventisinque ani insieme: 1983-2008
Vènare 15 febraro 2008, al Teatro Verdi de Padova, serata de Gran Gala, co la partecipassion de autorità, el teatro de Bruno Capovilla e tanta, tanta sinpatìa par sto nostro mensile che, non solo no l'inquina la mente, ma adiritura el svèntola nel mondo la bandiera de l'identità vèneta
de Mario Galdiolo
 
Un masseto de mimosa
Leggi l'articolo Done de na volta
de Luigi Frosi
 
Da i Coli Euganei
Leggi l'articolo Létara de primavera
de Gemma Bellotto
 
"La Sguaratà" - Ciàcoe adriote
Leggi l'articolo Tenpo de diriti e tenpo de doveri
a cura de Romano Beltramini
 
Incontrar un poeta (in veronese)
Leggi l'articolo Wanda Girardi Castellani
na poetessa speciale
de Lucia Cozzolino Masotto