Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Sergio Bedetti

Da Adria (RO)

La cesa di leun

Quatro Ciàcoe
Strada Granda, uficialmente Corso Vittorio Emanuele II, che ninsun ciama cussì e che i adrioti de na volta i à ciamà Via Maggiore, come se pol védare ancora al giorno danquò da do targhete in marmo bianco incastronà intel muro in scuminsio e a la fine del tronco centrale, lè divisa praticamente in tri tòchi: el primo, da la piassa Castelo fin al ponte omonimo; la parte centrale, dal ponte a corso Mazzini; la finale, da corso Mazzini a la Cepara. Lungo la parte centrale, quela del spasseso di adrioti, comunemente ciamà "vasca", se vèrze, senpre su la destra, do piassete: piassa Cieco Groto, davanti al munissipio, ciamà anca piassa di òmeni parchè al sabo lè senpre folà da zente che na volta jera solo de canpagna, che trata i so afari o i se perde in ciàcole che le duvrìa èssere inportanti; piasseta San Nicola co la ceseta dedicà a sto santo. Squasi tuti i la conosce come la ceseta di leun; sul portale nero de fero batù, banda par banda, ghè du bei leun de bronzo del Samoggia, scultore bolognese chà lassà altri segni in Adria. I fa un gran bel védere, sia parchè i risalta su la faciata de piera bianca, sia parchè, colegà su i so piedestali, i è contornà da le do bande da na serie de targhe, senpre in bronzo, co i nomi di morti de la prima guera mondiale. Se trata propio dun bel monumento: defati la ceseta lè dedicà ai Caduti de tute le guere e inte la so piasseta se celebra le funsion civili del 4 Novenbre, del 25 Aprile e via discorendo, tanto cha ghè nasta da bandiera bela alta col piedestalo formà da na statua che rapresenta la Vittoria co ai piè naquila, anche questa tuta roba del Samoggia.
Inti giorni fatidici, Sìndaco, gonfalon, autorità, rapresentanse civili e militari i se catà tuti lì par lino nassionale, i discorsi de comemorassion e conpagnia bela. Ma i più interessà, sia ai leun che ai paracari, a forma de sedili conpagni de na "X", che contorna la piasseta, i è i bocia. Defati da quando scuminsia letà del capire chelcossa, fin a quela che no i capisse più gninte, parchè i se insemenisse andando a scuola, no i pol passare davanti a sta piasseta sensa tironare mare, pare, zii o altri chi ghi à a man, parchè i vole andare su i leun e fare el giro intiero di paracari. Prima bisogna méterli su un leon e dopo su staltro. Quando chi è stufi de cavalcare, i se fa tirar zo i leun i è bastansa in alto parchè i possa ranpegarse da luri suli! e i scuminsia el giro di paracari. Prima su uno e po zo co n salto, dopo el secondo e po zo ancora co n salto, fin chi riva a conpletare tuto el giro. Solo alora la magioransa ghe mola e se pole tornare a caminare su Strada Granda. De le volte, qualche boceta più tegnisso, no l se contenta e l vole fare nantra cavalcà dessora di leun prima de ndare via. Che ste bestie le sia usà spesso a se se pol incòrzersene vardàndoghe le grope: i è più lustre del resto del corpo e el colore del bronzo vien fora dal nero de la pitura e de lossidassion del tenpo propio lì indove cha monta a cavalo i boceta. Però, se de le volte el tironare di pìculi el pol èssere na bela rotura de scàtole pa i genitori cha no ga tenpo da pèrdere, quanta no ela la sodisfassion inte l védere el soriso de contentessa che se vèrze su chi museti da i pùmuli russi sfogonà a forsa de salti e corse? Par mi vale parecio de più de le funsion co labari e medajere, bandiere e divise, no parchè sia contrario al ricordo de chi poveri can che ga lassà le strasse per la Patria, ma parchè un soriso de bocia no ghè oro cha lo paga! E so sicuro che l vecio Samoggia, ocesando da le nuvole, el prova na gran sodisfassion anca lu vedendo che, oltre a onorare i Caduti, la so òpera la fa contenti tanti boceta.

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale de Mario Klein
Leggi l'articolo Cossa vorli sti tosi?
Quelo che gavaréssimo vossudo avere tuti a la so età, ma che leducazion de la fameja, de la scola e de la Cesa ne faséa capire: "Nò! Desso xe massa presto!"
de Mario Klein
 
Costume e socetà
Leggi l'articolo Soto l'ombrela del "Gran Fradelo"
de Marcello Lazzarin
 
Memoria euganea
Leggi l'articolo On paese de la Bassa
de Pietro Gattolin
 
Storie citadine in triestin
Leggi l'articolo El secolo breve
de Luigi Perini
 
Da Adria (RO)
Leggi l'articolo La cesa di leun
de Sergio Bedetti
 
Da Verona
Leggi l'articolo Crònaca condominiale
de Giacinta DallOra