Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Mario Seguso*

Ricordi vèneti dal Brasile

Cine del Patronato

A sto punto Don Beneto doveva entrar in mezo, avisando a alta vose: “Fradelo e sorela che si baciano!”
A sto punto Don Beneto doveva entrar in mezo, avisando a alta vose: “Fradelo e sorela che si baciano!”
Dopo el film “Cinema Paradiso”, vera e poetica antologia de ricordi comuni vivesti da la mia generazion, pensava che no ghe sarìa stà tanto piú da contar sul cine de la nostra infanzia, però, pensàndoghe ben, so’ rivà a la conclusion che ognuno de nualtri se porta dentro al cuor el proprio “cine paradiso”, quelo che no desmentegaremo mai par la gran inportansa che ga avùo ne le nostre vite.
El mio se trovava proprio soto casa nostra; el sportelo dove che i vendeva i bilieti dava sul canton de la cale a pochi metri da la porta da entrada. La confusion e la vose de la gente strucada fintanto che la spetava che i versisse le porte, spece quando che el film prometeva de èsser bon, rivava fin al terso pian e par mi gera una esperienza comun che me conpagnava da quando so’ nato.
Tratàndose de un cine de la Parochia, Don Benedetto (ma par nualtri Don Beneto) gera el capo supremo, l’orientador spiritual e responsabile de la selta de i film da farghe vèder a i cari e devoti parochiani. Ancora quando mi gera putéo Lu gaveva za risolto un mucio de problemi che se ghe gera presentài fin dal primo momento che el cine ga scominsiá a funsionar.
La produssion de i spetàcoli vegniva realizada in anbienti profani e, parché no, anca pecaminosi, dove ne le pelìcole i atori Ela e Lu rivava al punto de basarse boca a boca e Don Beneto doveva entrar in mezo, avisando a alta vose: “Fradelo e sorela che si baciano!”, i film gera muti, i spetatori bastansa ingenui cussì da no capir ben come, quando e dove el film voesse rivar. Amedeo, el nónsolo gera l’operador capo agiutà anca da Giorgio e Renato, so fiòi; de le volte i me lassava entrar ne la “gabina de projezion”, ne i giorni de le prove quando co la presenza in sala el Paroco che vegniva a verificar el film e ogni tanto sigava “TAGIA!!!”
Stanlio e Ollio, i nostri beniamini del divertimento.
Stanlio e Ollio, i nostri beniamini del divertimento.
Me piaseva imensamente l’odor de l’acetona usada par incolar la pelìcola dopo el tagio e piú ancora me piaseva vèder i lanpi che vegniva fora da i carboni de la màchina, provocài dal rodololar de la pelìcola. A la doménega dopo magnà, andàvimo col nostro baston de guarizia inpirà in un bel limon sicilian par vèder cossa che quel giorno gavarìa fato Tom Mix o uno de i eroi che par nualtri gera senpre el “Toso” e che senpre rivava insieme a i “nostri” al momento giusto par salvar la “Tosa” quando anca nualtri i stàvimo spetando in pie, montài in sima de le poltrone de legno, pronti a agiutarli ne l’ultima cavalcada.
Prima de passar el film i ne mostrava el “cunesene”: qualche ano dopo go scoperto che in realtà i ne mostrava “alcune scene” de la prossima pelìcola. Topolino, Ridolini, Stanlio e Ollio, Bozambo e tanti altri xe stai i responsàbili par la nostra introdussion a la vita cultural e al spetàcolo che se andava svilupando senpre de più, quando xe scopiada la guera durada dal 1940 fin al ’45 e no xe piú rivàe pelìcole americane. Subito finìa la guera, i film americani xe rivài a valanghe, ma par nostra fortuna co i tòchi de pelìcola vergine recuperài vegniva fora el film “Roma, città aperta”, scominsiando cussí la nostra redenzion e la gloriosa fase del neorealismo. Co questo se podeva perdonar tuto el resto, da i film co la Yvonne Sanson, adorài e, fazendo parte de la categorìa “Che belo: quanto che go pianto” a quei dove l’atrice americana, quela che rideva senpre, in uno de i so film dove ela faseva la parte de una giovane paralitica, e so moroso la spronava a alzarse dal leto par far qualche passo, l’atrice no ga voesto scoltar quelo che da la prima fila de poltrone Alba Zamara ghe ga sigà: “Sta’ atenta che ti caschi” la inseminia atrice se ga alzà e, come gera da vederla, dopo qualche passo la xe stramazada par tera; alora la Alba no ga podesto tegnirse e la ghe ga sigà: “No te lo gavevo dito!!!”
Un bel giorno el signor Favin ga inaugurà el terso cine a Muran, subito batisà da i paesani come “Cine da Varigola”: el gera un anbiente profano fora da le sfere celestiali e par questo ostacolà più del dovùo al punto che parfin i voleva che la censura ghe proibisse de esibir el film “Bianca Neve e i sette nani” par èsser inproprio a i minori de disdoto ani. El funzionamento del cine ga durà vari ani e de sicuro no ’l xe stà motivo de perdizion de la bela e sana gioventù catòlica de Muran. La crisi che ga portà i tre cine a serar le ativitá la se ga manifestà quasi al stesso momento, quando el progresso, nel so glorioso svolgerse, ga fato sentar tuti i Muranesi, inciodàndoli par senpre su la carega davanti al televisor.

* Mario Seguso è maestro vetraio, discendente di una delle più antiche e famose famiglie di Murano. Nel 1954 partì per la città di San Paolo con in tasca un contratto biennale e una gran voglia di conoscere il mondo. Oggi vive a Poços de Caldas -Minas Gerais- Brasil.

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Schei, schei, schei…
Quei che no ghe xe e quei che se perde par strada, quei che no riva mai e quei che finisse massa in pressia, quei goadagnà onestamente e quei ciapà, inbrojando el prossimo…
de Mario Klein
 
Ricordi vèneti dal Brasile
Leggi l'articolo Cine del Patronato
de Mario Seguso*
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo Mai più in sto posto!
de Renato Scarpi
 
Da Rovigo
Leggi l'articolo Parlando co Loris
de Gianni Sparapan
 
Da Thiene (VI)
Leggi l'articolo Le rogassion
Un contato direto de l’omo e de la natura col so Creatore
de Bepin Daecarbonare
 
Da Verona
Leggi l'articolo San Zen in Oratorio
de Lucia Beltrame Menini