Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Mario Klein

Editoriale

Schei, schei, schei…
Quei che no ghe xe e quei che se perde par strada, quei che no riva mai e quei che finisse massa in pressia, quei goadagnà onestamente e quei ciapà, inbrojando el prossimo…

L’orto che me piasarìa averghe drio casa.
L’orto che me piasarìa averghe drio casa.
Mai sentìo parlare cussì tanto de schei come in sti ultimi tenpi e pi se ghe ne parla, pi l’argomento ne fa star male, anca parché, quando i schei xe scarsi, aumenta i discoramenti e, i consili che tuti ne vol dare, i xe pi che abondanti: tanto, no i costa gnente!
Ogni notizia in television, su i giornài, dal barbiere, in piaza… la va senpre a finire te la musina: “i schei no ne basta… ghe vole senpre piassè schei… semo drio scopiare… no ghe la femo pi… le tasse ne sòfega…”
Anca se no la xe roba che se magna, torna de moda i proverbi e, quasi par scaramanzia, se se li passa l’un co l’altro: “L’omo senza bezzi, l’è on morto che camina.”
Co sta situazion de crisi, scomizia a svejarse el ràdego con chi, inveze, i schei i li ga, cioè i siori. E, sicome “chi ga dentro ’l fogo, manda fora el fumo”, ne mete on poca de preocupazion sti comizi de piaza dove tira on’aria che no promete gnente de bon.
Fin ’desso, o quasi fin ’desso, le robe le xe ’ndà pitosto ben, o i ne ga fato crédare che no ghe jera da temere sorprese. Màchine, àbiti, aredamento, televisori, càmare, viaji, giojèi…: cronpa oncò e te pagarè fra siè mesi o st’ano che vien. Quanto podévela durare sta banbana?
Prima ne xe stà inculcà in tuti i modi de mirare al “dio-danaro”, colocà al primo posto te la scala de i valori, quasi passando par vangelo quelo che scrivéa Oscar Wilde: “Quando ero giovane credevo che la cosa più importante della vita fosse il denaro, ora che sono vecchio so che è vero.”
Sarìa da stùpidi dire che i schei no val gnente, ma xe altretanto stùpido pensare che i schei xe tuto. Intanto, senza inacòrzarse, a semo deventà l’ingranajo de na màchina da schei, subendo gusti, sentimenti, idée e conportamenti.
Cussì ’desso, anca noantri se catemo in braghe de tela e anca se el deto dise: “mal comune, mezo gaudio”, visto che “l’aqua toca el culo” bisogna che “inparemo a noare”.
Ne le nostre sità e ne i nostri paesi no ghe xe mai stà, dal dopo guera, on livelo de “povertà”, che ciamemo mèjo ‘miseria’, come ’desso: la gente che zerca lavoro ’ndando “porta a porta” la cresse dì par dì; aumenta el bisogno de assistenza, cresse la vergogna de èssarse ridoti a la fame e e no’ tuti mete in pratica el deto “averghe i debiti e no pagarli, xe come non avèrgheli”, anzi pi de qualchedun el va via de testa.
Oncò, ne i supermercati no ghe xe pi soltanto i “mano-lesta” de senpre che zerca de sgranfignare calcossa, se ghe zonta chi che ga fame e no ga schei par cronpàrsene… Propio come na volta. Chi xe che ’ndaséa a ponari de note, o a capuzi t’on canpo, ris-ciando de ciaparse na s-ciopetà? De i pori desgrazià, senza laoro, co na sgnarà de boche da sfamare.
A la luce de tuto questo e de fronte al fato che, a sto mondo, pare che bisogna adatarse o rabiarse o disperarse, noantri de na zerta età, che ghe n’emo viste de pezo, tentemo naltra soluzion: riscoprire la solidarietà – quela de i fati, no de le parole – parché dise senpre on proverbio nostran: “có ghe n’è poca (roba), ghe ne vanza senpre”.

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Schei, schei, schei…
Quei che no ghe xe e quei che se perde par strada, quei che no riva mai e quei che finisse massa in pressia, quei goadagnà onestamente e quei ciapà, inbrojando el prossimo…
de Mario Klein
 
Ricordi vèneti dal Brasile
Leggi l'articolo Cine del Patronato
de Mario Seguso*
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo Mai più in sto posto!
de Renato Scarpi
 
Da Rovigo
Leggi l'articolo Parlando co Loris
de Gianni Sparapan
 
Da Thiene (VI)
Leggi l'articolo Le rogassion
Un contato direto de l’omo e de la natura col so Creatore
de Bepin Daecarbonare
 
Da Verona
Leggi l'articolo San Zen in Oratorio
de Lucia Beltrame Menini