Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Renato Scarpi

Da Lendinara (RO)

Mai più in sto posto!

Can del tron, su zento euri el ga ’vù corajo de tiràrgane via venti. Mai e mai più in sto posto! (ne la foto, I Bonbasini)
Can del tron, su zento euri el ga ’vù corajo de tiràrgane via venti. Mai e mai più in sto posto! (ne la foto, I Bonbasini)
– Pronto! Chi parla?
– Ciao, so Alessandro, sito libaro stasera? Ghe xe da sonare a ’na festa intel restorante che te go dito ieri sera!
– Sì, so’ lìbaro.
– Alora se trovemo a le siè e meza pa’ métare ben i strumenti. Ciao.
A le siè in paca me fazo trovare sol posto stabilìo, dopo aver baucà pa’ trovare el restorante ficonà in mezo a le brècane. Tra i àlbori alti e onbrosi, sparpajà pa’ la corte, ’na bèa casa de canpagna co’ vizin la stala ancora più bèa se presentava a la me vista. Un giardin fiorìo co piante in grandi vasi, statue e veci atrezi agrìcoi sparpajà dapartuto, meteva un zerto intaresse a chi lo traversava.
Sora i coèrti de le costruzion, raquanti pavoni, fasendo la roda, inviava de tanto in tanto de i zighi infernài. Curioso de savere come che la gera indrento sta fatorìa, so’ entrà e la go spiocià da zima a fondo. Ve digo che ’l posto xe da siori.
– Che belo che sarà sonare qua drento! – go pensà.
– Nò! Qua no se sona, stasera i ne ga sistemà a l’aria fresca, de là de la strada, vizin al parchejo de le otomobili.
De là de la strada, ghe xe un lagheto co’ intorno pìcoe montagnòe coèrte da sgiavaschi verdi e bassi àlbori ornamentài, zoghi pa’ i putini e, tra i trodi, ’na ventina de grande tende bianche. A le oto e meza scuminziava vegner zò le prime onbre e, ’torno a l’acanpamento se provedeva a inpizzare le fiàcoe: I clienti, col so trantran, ciapava posto soto le tende ’luminà da le lanpare colorà.
Nantri però no gèrimo pronti a far musica, parchè sistemà su la tera mal gualiva, no trovàvino mai un sicuro posto da piazare el legìo o altri strumenti ca gavévino drio. Gera tuto un su e zò e po’, de tanto in tanto, se gratàvino la pèle da i becoti de zanzare che ne davà no poco fastidio. A farla curta, quando ghemo scuminzià a sonare, che gera za le nove passà, lo ghemo fato al scuro. No se vedeva un pipio e solo dopo le nostre proteste col paron, i ga provedù a far luse.
In pressia, un nùgolo de zanzare se ga messo a sponciarne facia, brazi, man e chi gaveva i sàndali anca i piè, tanto che inveze de sonare piciàvino sora ste bestie infame, e gratàvino a la grande. Mi po’ che dovevo cantare, ghe ne magnavo a sboconà ca no ve digo e, dopo raquanti minuti, go rinunzià a vèrzare la boca pa’ el resto de la serata. Intanto drento a le tende, difese da i veli e da l’odore de le sostanze chimiche, la zente magnava e ciacolava tanquila. I camarieri in guanti bianchi i portava co sèsto, novi piati de magnari, e le botije le s-ciocava a l’“evviva” de la zente. Nantri, co la panza voda ma pieni de becoti, li tegnévino vardà che squasi ne vegneva da piànzare.
A fine serata, muciàvino sù le nostre robe e dopo averle caricà sol camionzin, semo andà dal paron del locale pa’ tirare la nostra paga.
– Cossa disìo, putèi, se fasemo un sconto de venti euri? Go tante spese!
– Can del tron, su zento euri te voi tiràrgane via venti, dopo tuta sta sofarenza? (ma lo ghemo solo pensà e, tirà i schei da sto tirchio, se ghemo lontanà, segnàndose co la man drita e quela zanza, co la promessa:
– Mai e mai più in sto posto!

[torna sopra]

 

Archivio
2022 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Schei, schei, schei…
Quei che no ghe xe e quei che se perde par strada, quei che no riva mai e quei che finisse massa in pressia, quei goadagnà onestamente e quei ciapà, inbrojando el prossimo…
de Mario Klein
 
Ricordi vèneti dal Brasile
Leggi l'articolo Cine del Patronato
de Mario Seguso*
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo Mai più in sto posto!
de Renato Scarpi
 
Da Rovigo
Leggi l'articolo Parlando co Loris
de Gianni Sparapan
 
Da Thiene (VI)
Leggi l'articolo Le rogassion
Un contato direto de l’omo e de la natura col so Creatore
de Bepin Daecarbonare
 
Da Verona
Leggi l'articolo San Zen in Oratorio
de Lucia Beltrame Menini