Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Lucia Cozzolino Masotto

Da Verona

El ritorno de veci mestieri

Da noialtri i mete ben in ciaro quel che i çerca e quel che i è.
Da noialtri i mete ben in ciaro quel che i çerca e quel che i è.
Ghera una volta el sensal e se intende quel de le bestie e de le canpagne, del riso, vin e formento. Se lo catava in giro ne i giorni de marcà, tacuìn a fisarmonica pien de fojeti de carta, matita copiativa su la recia che el pociava in boca par lèzar mèjo quel che el scriveva, rologio tacà a la cadena da tirar fora par far capir che l’era ora de arivar al dunque.
Ma ghera anca el sensal da sposi e quelo se lo vedéa piassè in cesa che in volta. In tenpi grami e suti le fameje le intendéa che i fiói i podesse catar el mèjo che ghera su la piassa, sensa scondiroti e sensa che la gente la podesse dirghe adrìo.
Manman che la vita la canbiava e che anca le butele le podeva andar in volta da sole, così i butèi i podéa incontrarle e métarse d’acordo fra de lori, par ’sto mediator de matrimoni paréa fusse arivà l’ora de serar botega.
Le industrie le vegnéa avanti e quasi nissuna dona la voléa un contadin par marì: massa da far, le ore non le se contava e gnente ferie perché ghera da goernar le bestie.
E così ’sto sensal de matrimoni l’era tornà a laorar ancora: l’andava zo in Bassa Italia e, con l’aiuto del pàroco, trovava brave butele disposte a sposar un contadin del nord par far quelo che le altre non le voléa più far.
Quasi senpre ’sti matrimoni conbinadi i è andadi ben par tuti e do, par el butel che el ghe avéa bisogno de una brava dona e par le spose che le voléa un marì onesto, lavorador e che el ghe volesse ben; non le gavéa paura de lavorar.
E quando è arivà l’industria anca ne i canpi, paréa che par ’sto sensal non ghe fusse proprio più gnente da far.
Ma eco che invesse, verzendo qualche giornal o girando le pagine giale del telefono, ò visto che questo tipo de sensarìa l’è tornà a la grande: “Un cafè l’è più bon beudo in do” dise una; l’altra “Lassa star la solitudine.” E podarìa continuar par pagine e pagine.
E alora me son domandà come mai in ’sti tenpi che non ghe altro che possibilità de incontrarse fra òmeni e done bisogna andar da un terso incomodo. Me ricordo de quando sul Corier se lezeva ne i anunci matrimoniali: “Genitori cercano per loro figlia illibata, bella presenza, benestante, eccetera…”
Ancò ’sti anunci i le fa i sensài e quasi senpre se trata de vedovi o divorsiadi che i è stufi de star soli e che non i ga modo de incontrar quela o quel che se intende lori.
Intorno a ’sto bisogno de inpenir la solitudine non ghè più el pàroco e el mediator, ma le agenzie matrimoniali, con tanto de conputer, che, a sentir lore, le dovarìa catar proprio quel che va ben.
Par onor de cronaca son entrà in qualche agensìa: poltrone comode e luce morbida. Le titolari le ghè restà un po’ mal quando go spiegà che voléa solo far un articolo e che non çercavo l’anima gemela, ma dopo le s’à messo a disposission.
“Ghè massa solitudine in giro e la gente non la se fida quasi più de nissuni. Se qualchedun l’è gentile le pensa che ghe sia da dubitar” le m’à dito. “La pensa che una signora, vedova, quando la porta i neodini al canpo-giochi la se cava via la vera del marì parché nissuni ghe fassa de le proposte.”
Me informo su come va a finir questi matrimoni conbinadi.
“Ben” le me risponde. “Dirìa che i va mèjo de tante convivense fai-da-te, forse perché da noialtri i mete ben in ciaro quel che i çerca e quel che i è. O forsi anca parché, con l’età, s’à stondà tanti spigoli e le pretese le è calade un poco.”

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Comunque… Bon Nadale!
Anca se, dopo de sto nùmaro de la rivista, no savemo come la ’ndarà a finire… saldi ne le nostre idée de bona volontà, de inpegno, de prospetive e de fede, ghe femo i nostri mèjo auguri a… A chi?
de Mario Klein
 
Deti e proverbi veneti
Leggi l'articolo Na volta se diséa…
de Mario Galdiolo
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo Xelo rivà Tano?
La lavorazion del canio
de Renato Scarpi
 
Da Vicenza
Leggi l'articolo Ciao, Nereo!
de Ines Scarparolo
 
Da Verona
Leggi l'articolo El ritorno de veci mestieri
de Lucia Cozzolino Masotto
 
Da la Lessinia Centrale (VR)
Leggi l'articolo Al tenpo de l’andema
de Luigi Ederle