Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Mario Galdiolo

Deti e proverbi veneti

Na volta se diséa…

Fogolaro e dintorni. (foto di Loris Zuttion)
Fogolaro e dintorni. (foto di Loris Zuttion)
Uno de i ricordi che go de me mama e de i veci che conpagnava la me infanzia, ne le serate de filò, te chela casa de canpagna, on ex monastero de Vilafranca Padovana, xe ligà a on discórare fato de sentenze, proverbi e deti. Ve ne digo on pochi, cavà fora da l’archivio ruspante de la me memoria.

– Quando la forsa co la ragion contrasta, vinse la forsa parché la ragion no basta.
– Dona mora longa xe destesa, dona mora el cul che pesa, dona bianca o zala in pansa stava, el barba rosseto so ’l cul petava (indovinello: catena del focolare, paiolo, farina bianca o gialla per fare la polenta sul fuoco acceso).
– Disi la corona, ché on’ora la te sarà bona (invito alla preghiera, perché può tornare utile).
– Chi bala ga on diàolo par spala, chi buta mente ga on diàolo par dente.
– ’Assa che i diga, ’assa che i fassa, vòltaghe el culo e ’assa che i bata (vai diritto per la tua strada).
– Parché l’amicissia se mantegna, bisogna che na borsa vaga e una vègna.
– Din-den-don / le canpane de Montarton (Monteortone, frazione di Abano Terme) / le sonava cussì forte / le butava zo le porte, / le porte xe de fero, / volta carta ghe xe on puliero / puliero che tra de culo, / volta carta ghe xe on mulo / on mulo che tira sù l’acoa, / volta carta ghe xe na gata / na gata co i gatèi, / volta carta ghe xe i putèi / i putèi fa ostarìa, / volta carta che la xe finìa.
– Ghiri-ghiri-gaja / martelo soto paja / oceto de bo / indovina quanti ghe n’ò (si diceva per far sorridere il bimbo, solleticandogli il palmo della mano con uno, due o più dita).
– Magnare ’e bisteche de Cesarin (mangiare marmellata; Cesarin = industria padovana di confetture).
– Le cese xe fate co le ciàcole de i siori, le besteme de i murari e co i schei de i poareti.
– Se on dèbito no se paga sùito, cade che la fodra magna el drito (se un debito non si paga subito, si rischia di non arrivare a pagarlo più).
– La paja so ’l pajaro, el fromento in granaro e i marsi a Recoaro (ogni cosa la suo posto: … i malati di TBC si curavano in sanatorio a Recoaro).
– El poeta, “animo eletto”, scrive, sogna e more poareto.
– Ciapare na peada so ’l bero o osso cularo (prendere una pedata sul sedere o sul coccige).
– Disi senpre che la xe cota anca se ghe manca on bojo (invito a dar ragione a tutti per evitare contrasti).
– Ciapare le peate de calchedun (prendere brutte abitudini, i vizi, di qualcuno).
– Par bisogno xe bon anca Togno (in caso di necessità, va bene qualsiasi aiuto).
– Èssare cussì poareti da vìvare de poenta e scòro (essere così miserabili da dover vivere, nutrendosi di polenta e siero del latte).
– Te dago na catana che te taro! (Ti dò uno schiaffo che ti sotterro!)
– Ogni busa ga la so scusa (ad ogni decesso si è portati ad individuare una causa).
– La xe roba da tri brassi on franco (riferito a tessuto di scarso valore).
– El xe uno che te darìa da magnare co ’l fiasco e bévare co ’l sesto (si dice di persona avara).
– Se da zóvani no i fa i so ati, có i xe veci i fa i mati (ogni cosa a suo tempo).
– Spetare a decìdare có riva la malparata (prendere una decisione all’ultimo momento).
– Magnare a la scapadora (mangiare in fretta).
– Avere el mal del simioto (avere la forma di deperimento della prima infanzia).
– Xe mèjo un “tò” che sento “darò” (meglio un “prendi” che cento promesse).

[torna sopra]

 

Archivio
2020 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo Comunque… Bon Nadale!
Anca se, dopo de sto nùmaro de la rivista, no savemo come la ’ndarà a finire… saldi ne le nostre idée de bona volontà, de inpegno, de prospetive e de fede, ghe femo i nostri mèjo auguri a… A chi?
de Mario Klein
 
Deti e proverbi veneti
Leggi l'articolo Na volta se diséa…
de Mario Galdiolo
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo Xelo rivà Tano?
La lavorazion del canio
de Renato Scarpi
 
Da Vicenza
Leggi l'articolo Ciao, Nereo!
de Ines Scarparolo
 
Da Verona
Leggi l'articolo El ritorno de veci mestieri
de Lucia Cozzolino Masotto
 
Da la Lessinia Centrale (VR)
Leggi l'articolo Al tenpo de l’andema
de Luigi Ederle