Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Arturo Baggio

Zente de Padova

Francesco Squarcione

Francesco Squarcione, Madonna col Bambino, 1455, (Berlino, Gemäldegalerie).
Francesco Squarcione, Madonna col Bambino, 1455, (Berlino, Gemäldegalerie).
Francesco Squarcione, Polittico De Lazara, 1449-52, (Padova, Museo Civico).
Francesco Squarcione, Polittico De Lazara, 1449-52, (Padova, Museo Civico).
Fra la zente padovana che ne la storia de la nostra sità val la pena de ricordare parché a so modo i ghe ga dà lustro, xe da citare i artisti e tra questi in modo particolare i pitori. Fra sti qua salta fora Francesco Squarcione, pitore vissudo dal 1397 al 1468.
A dire el vero Squarcione el ga fato el “sartus et recamador” fin a trentadó ani. Dopo el se ga messo a rancurar “anticaglie”, robe antiche, e ciapar in apalto lavori de pitura, tanto xe vero che nel 1426 el vien cità come “pictor”. Sti lavori in parte i ga fati lu, in parte i ga fati fare da pitori de la so botega.
Giudicare i so lavori mi no me la sento e ghe lo lasso fare a i critici d’arte. Ghe xe chi che lo stima e lo considera come caposcola e fondatore de la grande pitura padovana del Quatrosento. Chi invesse lo considera un pitore mediocre e riconosse l’inportansa de sto personaggio solo ne l’aver tirà sù ne la so botega fior de pitori a i quai ga insegnà, o forse se ga iluso de insegnare, na pitura “rinnovata” con na teoria prospètica rudimentale. Quelo che xe serto xe stà l’influensa de l’arte de Donatello smissià a i principi del tardogotico a dare l’inpronta a la so pitura.
Quelo che so’ stà bon de trovare de so lavori xe el “Polittico De Lazara” conservà al Museo Civico de Padova, na “Madonna col Bambino” conservà al Gemäldegalarie de Berlino e quelo che resta de un afresco sul muro esterno del “Palazzo Troyer” a Serravalle de Vittorio Veneto.
La so botega: questo sì che xe stà un fato meritorio. Traverso quela xe stà tirà sù fior de artisti. Mantegna xe el nome più splendente de i so alievi, ma no el solo. I parla de più de 140 alievi, tra i quai se se ricorda de Giorgio Chiulinovich, dito Schiavone, de Nicolò Pizzolo, anca se in forse, de Marco Zoppo, de Carlo Crivelli, de Cosimo Tura, de Francesco Verla.
El xe ’ndà in giro, pararìa, par l’Italia, rancurando robe che podesse servire da modelo pa i so alievi e pa ’l so comercio de antiquariato. Lu dize che el xe rivà fin in Grecia, ma no xe vero.
Come che digo più sora, Squarcione el xe stà esaltà come caposcola de la grande pitura padovana del Quatrosento e come maestro del Mantegna, quando invesse el risulta ancora ligà a la tradission gotica, come se pol védare nel so “polittico” par Casa Lazara, fato dal 1449 al 1452. Qualche ispirassion la ga vuda, ma de poco conto, da i grandi toscani come Donatello, Filippo Lippi, Andrea del Castagno.
In conclusion, da come se pol sentire da i critici d’arte, Francesco Squarcione no ’l xe stà altro che un mediocre artista. El xe stà bravo invesse a capire, a riconóssere e a spronare le nove energie. Solo che la so manìa de fare el maestro a sti autentici artisti e la so avidità de guadagno lo ga isolà da i so alievi, che a un serto momento ghe se ga rivoltà contro. No se pol negare che el sia stà na personalità energica. Valente antiquario e scopritore de talenti, ma anca protagonista de na atività mediocre, disordinata, tacabrighe e invidiosa.
Co i so ciari e i so scuri anca lu ga contribuìo a la gloria de la nostra Padova che ghe ga intitolà na so strada.

[torna sopra]

 

Archivio
2021 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo ’Desso ghemo du novi Santi
No podemo propio non consegnare a la pìcola storia de la nostra rivista el ricordo de on avenimento cossì straordinario: du Papi che fa Santi du Papi. Robe mai viste e che forse mai pi se ripetarà.
de Mario Klein
 
Da i Coli Euganei
Leggi l'articolo Quanti zii…
de Gemma Bellotto
 
Zente de Padova
Leggi l'articolo Francesco Squarcione
de Arturo Baggio
 
Da Lendinara (RO)
Leggi l'articolo Fetonte
cascà intel Po polesan
de Renato Scarpi
 
Da Adria (RO)
Leggi l'articolo El borgo
de Sergio Bedetti
 
Da San Bonifacio (VR)
Leggi l'articolo Caro Rademisto
a cura de Enzo Coltro