Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Annalisa Pasqualetto Brugin

Da Mestre-Venezia

La seconda lingua

La me classe “prima” co la me maestra: mi so’ la quinta a destra ne la riga in mezo.
La me classe “prima” co la me maestra: mi so’ la quinta a destra ne la riga in mezo.
A la matina me piase ’ndar far le spese prestin; ciapo el me can Merlin, el caretin e parto, me trovo senpre su la strada che va verso la scuola dove insegnavo, e resto ferma qualche momento a vardar i putèi che co el zaineto su le spale, va a inparar.
Me vien in mente co teneressa tuti i me scolari, ma anca penso co dispeto a quanto tenpo go perso in riunion dove se parlava tanto... par gnente!
Pareva che ghe fusse senpre scoperte didàtiche e progeti novi da portar ’vanti. A mi, tante volte vegneva da rìdar, come quando ani indrìo xe stà inserìa la seconda lingua; se ga discusso par mesi e mesi su la inportansa de ’sto progeto, su la metodologia, su la bravura da no crédar de i putèi che no se gavarìa sforsà... e chi più ghe ne ga, ghe ne meta.
Quela volta no go podùo, no farme vegner in mente la me prima elementar, da le suore Canossiane de Mestre: so’ ancora traumatizada!
Me ricordo, come fusse ’desso, che dopo pochi giorni, la me maestra, la zelante Madre Zelinda, ’na suora tanto bona, alta e seca co un par de ociài che pareva fondi de botilia, me ga ciapà par man e portà da la Superiora e me ricordo co precision le so parole che mai go desmentegà:
“Vede, Reverenda Madre, questa bambina non sa parlare, si esprime in dialetto e se si sforza di parlare in lingua, dice solo parole storpiate. Non so cosa fare, ci vorrà una santa pazienza.”
Menando la testa la Superiora me ga vardà e me ga fato qualche domanda, tipo come me ciamavo, dove che stavo, chi che gera me mama e me papà... Có ghe go dito chi che gera me mama, la ga fato un salto come che la fusse stada becada da ’na vrespa.
“La Rallo! − la ga dito − qui da noi, e a le nostre magistrali a Venezia ha studiato sua mamma! Una ragazza con un caratterino! Ne potrei raccontare su di lei! Non si preoccupi, Madre Zelinda, sua mamma è una brava maestra, vedrà che la bambina imparerà veloce.”
Par gnente convinta Madre Zelinda me ga riportà in classe, e mi, mortificada e co la testa bassa, vardada da tute le me conpagne co aria de suficensa, me go ingrumà su el me banco e no go più fiatà! El fato gera, che a casa mia se parlava in dialeto, e me mama ne ’ndava orgoliosa! No el gera un dialeto tera-tera, ma pien de sfumature, anca poetiche, intramesà da modi particolari de dir, da proverbi, da metafore... Me nona, in particolar, la gaveva un parlar tuto suo, arcaico se volemo, ma che tante volte me lassava imagada, come quando la tirava fora personagi veri o inventài, par far capir mègio quel che la voleva dir, par esenpio, quando che mi cantavo stonada come ’na canpana, la me diseva par torme in giro:
“Te canti come la Marmàcola!”
Chi che fusse ’sta creatura, mi lo go senpre savùo, ma ’desso solo pochi lo sa! Tanto che mesi fà, me ga telefonà el segretario de un concorso de poesia, par domandarme cossa fusse la Marmàcola, visto che la giuria no lo saveva e la me poesia se intitolava “El canto de la Marmàcola”.
Tornando a la me prima elementar, go da dir che no ghe ga vossùo tanto, prima de Nadal parlavo in italian mègio de le me conpagne, e madre Zelinda gera convinta che el merito fusse stà tuto suo; in realtà mi go scoltà ben le lession e come parlava le altre, la base ghe gera e me ga bastà tradur quel che me passava par la testa e dirlo.
’Desso penso che mi parlavo ’n’altra lingua e proprio come i scolari de ’desso ne go inparà ’n’altra; la seconda lingua sarìa giusto dir, secondo el linguagio didàtico de ’sti tenpi.
Ma so’ drìo cavarme ’na sodisfassion granda, tra tute le tosete che xe stà a scuola co mi e pareva tanto brave e istruìe, anca se qualcheduna ga fato ’na bela cariera, solo mi scrivo, in dialeto, e anca in italian!
Có fasevo scuola mi, no go mai trascurà el nostro dialeto e a i me scolari ghe piaseva da mati có ghe criavo in dialeto: i rideva e come par magia, gaveva più efeto ’sta criada che no tante altre storie o ragionamenti doperài par el scopo.
A la me nevodeta Aurora, parlo sia in dialeto che in italian, parché no vogio che sto patrimonio vada perso, ma gnanca che la se senta a disagio come che ga tocà a mi.
Par quanto riguarda l'inglese, beh, ghe pensarà so mama, so papà, i zogàtoli, visto che basta fracar un boton e i dise quel che i ga da dir in dó lingue, e le maestre. ’Desso la va a l'asilo nido, i putèi xe tanto pìcoli e i scumissia ’pena dir qualche paroleta o no i parla del tuto, ma a la festa de Nadal la canson par i auguri gera in inglese!!!

[torna sopra]

 

Archivio
2017 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo La dona: sale de la tera e luce del mondo
Quelo che dovarìssimo èssare tuti a sto mondo, pare che solo la dona la sia cussì e solo ela la gabia ricevù sto dono e sto cònpito: darghe gusto a l’inpasto de la vita e rónpare le tènebre de l’umanità con la so luce. Ma a che prezo!
de Mario Sileno Klein
 
Su la via de le spessie
Leggi l'articolo El zaferano
Se dize che ’l sia oro robà.
de Luigi Frosi
 
Da la Marca
Leggi l'articolo Ricordo de Simon Benetton
de Emanuele Bellò
 
Da Mestre-Venezia
Leggi l'articolo La seconda lingua
de Annalisa Pasqualetto Brugin
 
Da Gavello (RO)
Leggi l'articolo Che la piasa, che la tasa, che la staga in casa
de Gianni Sparapan
 
Da la Bassa Veronese
Leggi l'articolo Mato come marzo…
de Lucia Beltrame Menini