Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Gianni Sparapan

Da Gavello (RO)

Che la piasa, che la tasa, che la staga in casa

Quatro Ciàcoe
A ghe xe stà tanti canbiaminti sociali, ma gnissuni cussì grandi come queli ca riguarda le done. Na olta ste pòre creature le gera senpre maltratà. A ghe jera anca el dito: "La dona, che la piasa, che la tasa e che la staga in casa."
In tuti i modi le done le jera messe da can. Se no le se maridava, le stava male: "Ma mi, sògna pezo de le altre? E parcossa xe, che gnissun me tòle?"
Se le stava da maridare e le ghéa on qualche omo, le vegneva messe in crose. Ma se le se maridava, le gera schiave, prima de i veci e, morti i veci, del so omo, che intanto el vegneva vecio anca lu. E cussì lore che le podeva costumarlo quando che 'l jera zòvane, no le podeva più farlo. Insuma, le gera sotomesse e considarà come el dó de cope co’ la va a spade. Tanto che, se le vegneva a Rovigo, no le catava i servizi igienici, che i ghe gera solo par i òmani. Lore inveze le doveva tegner duro e tribolare. E cussì le inparava a vegnere via da casa!
Se so marìo, par passatenpo, el ghe faseva on corneto, gnissun ghe diséa gnente, anzi i vardava co invidia sto birichin. Ma se a fare i corni, fusse stà la dona, alora la gera so la boca de la zente fin che la canpava, poarèta. Mai na olta ch'i ghe desse la colpa a l'omo, che se ’l fusse stà bravo, el gavarìa dà da magnare a la so dona, inveze de obligarla a ’ndare in zerca da altri mas-ci.
Par dirla tuta: césa, cusina, leto e casa. Le ùniche done ca no staséa in casa, le staséa “in casin”. Anca lì, a servire i òmani secondo le so esigenze.

Ma adesso, i tenpi i xe canbià: a scuola a ghe xe tute done ca insegna: maestre e professoresse; in tribunale, done; drento i ufici, done; a la television, done; in parlamento, done; e ultimamente a le vedemo in caserma e fra qualche tenpo, anca in seminario.
Insuma, oramai le xe dapartuto, parfin su i marciapiè de note. E senpre più professionali in ogni lavoro che le faga. Anca le casalinghe le xe drìo organizarse a livelo internazionale. Le ga discusso par television el problema del raporto col so omo. Prima a ga parlà na tedesca: "Mi a me chiamo Birghite, e ho deto a mio marito che non lo servivo più. Il primo giorno non ho visto niente, il secondo non ho visto niente, ma il terzo giorno mi è arrivata la mercedes del marito a prendermi con tante scuse e baci."
Dopo a ga parlà n'americana: "Me chiamo Marilyn e mio marito è petroliere texano. Ho deto che era porco e che andavo via per protesta. Il primo giorno non ho visto niente, anche il secondo giorno non ho visto niente. Il terzo mi arriva in albergo un canestro pieno di dollari con lettera di preghiere di tornare da lui."
Par ultima a ga ciapà la parola la Maria de Fasana: "Me marìo el fa el muradore - la ga dito - e qualche olta el vien casa onto de raboso. A go dito - a digo - ca vago a stare par conto mio. El primo dì a no go visto gnente, el secondo no go visto gnente. El terzo giorno a go tacà a védare on qualcossa parché a scomiziava a desgunfiarse i òci!"

[torna sopra]

 

Archivio
2017 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo La dona: sale de la tera e luce del mondo
Quelo che dovarìssimo èssare tuti a sto mondo, pare che solo la dona la sia cussì e solo ela la gabia ricevù sto dono e sto cònpito: darghe gusto a l’inpasto de la vita e rónpare le tènebre de l’umanità con la so luce. Ma a che prezo!
de Mario Sileno Klein
 
Su la via de le spessie
Leggi l'articolo El zaferano
Se dize che ’l sia oro robà.
de Luigi Frosi
 
Da la Marca
Leggi l'articolo Ricordo de Simon Benetton
de Emanuele Bellò
 
Da Mestre-Venezia
Leggi l'articolo La seconda lingua
de Annalisa Pasqualetto Brugin
 
Da Gavello (RO)
Leggi l'articolo Che la piasa, che la tasa, che la staga in casa
de Gianni Sparapan
 
Da la Bassa Veronese
Leggi l'articolo Mato come marzo…
de Lucia Beltrame Menini