Quatro Ciàcoe
Mensile de cultura e tradission vènete
de Lucia Beltrame Menini

Da la Bassa Veronese

Mato come marzo…

Sto mese, pare za de sentire la primavera drio l’usso.
Sto mese, pare za de sentire la primavera drio l’usso.
… e ’pena tira vento, tute le robe zo par tera!
… e ’pena tira vento, tute le robe zo par tera!
Dopo l’inverno fredo ’pena passà, sto mese, solo a nominarlo, el me fa canbiare de umore in mèjo e pare za de sentire la primavera drio l’usso. Però mi penso che no ghe sia on mese pi dispetoso e monelo de lu, spesso in conbuta co’ piova e vento. Insoma, marzo l’è on po’ mato, come dise on vecio proverbio: marzo pazzerello, un giorno fa brutto e un giorno fa bello. Se l’è vera! Sì, anca se ghè tanti segni che ne mostra che l’inverno l’è invià fenire, parché ghè fiori e buti novi sora le piante, le giornade jè caldine, i osèi i scuminzia a farse el nial e la natura in gènare la se sveja tuta. Ma l’è mèjo no fidarse parché marzo on giorno el pianze e on giorno el ride, el fa ancora sbalzi inprovisi de fredo che a olte i porta in giro tanto dano, anca se i buti ’pena sbocè i zerca de resìstare.
Comunque, la pi parte de noantri scominziemo a butar da na parte el paletò e al dopodisnar par strada se pol star ben anca solo co na blusa de lana.
In sti giorni quelo che a olte disturba de pi l’è el vento. Fiol d’un can, se l’è dispetoso! Se ghè le robe stese par sugarse al sole el supia forte da farle cascare; el roersa onbrele, el tira sù le còtole a le done… E intanto al 21 de marzo vien ’vanti primavera e co’ ela torna le róndene. Insoma, sto mese l’è tuto na contradizion, l’è tuto e el contrario de tuto. Eco cossa ne dise i proverbi:
- Marzo pazzarelo, varda el sol, ma ciàpete su l’onbrelo.
- Se marzo l’è piovoso, el brolo l’è generoso.
- Marzo senza acoa, aprile senza erba.
- De marzo, ogni mato va descalzo.
- Par san Benedeto, la róndena soto al teto.
- Par l’Anunziata (25 marzo) se sómena la patata.
A sto punto, come no parlar de i poeti che s’à ispirà a sto mese: Angiolo Silvio Novaro el s’à domandà: “Che dice la pioggerellina di marzo?...”, e Antonio Beltramelli el ne conta che: “Le viole in mezzo al prato / escono fuori con l’ombrello. / Oh, bel marzo! Oh marzicello!” E Renzo Pezzani: “Anche l’acqua che era ghiaccio / s’incammina dentro al fosso / con un po’ di cielo indosso.” E po’ Arpalice Cuman Pertile la ghe cria a marzo, disendo: “O Marzo, non fare il cattivo / non rompere i rami fioriti / i rami dei peri e dei meli / che poi daran frutti squisiti!” Anca Diego Valeri: “Un sentore di viole... / Ecco marzo pazzerello / piedi nudi e giubberello, / ricci al vento e viso al sole.”
Ma anca i nostri poeti in dialeto no jè de manco. Ghè Berto Barbarani che ’l scrive: “Madama Primavera, / seria fra le pi bele, / predica grassia ai fiori / e stissa su le stele / ma nel cor de la sera / la istiga i primi ardori… / col magico: Fu, fu!... / che l’è la zoventù / calda de umori…” El poeta nostran Bruno Castelletti el scrive: “Sta per entrar marso / su la tera / per maridar / na bela putela.” E Giampaolo Feriani: “I bate marso… / e su le strade smemorià / sbrissia e se desfa / gemi de luna a fiochi.” Saremo la lista co Angelo Savaris: “A son Marzo, l'ombrelaro, / ma ’sta piova inacidà / mena tuti dal stagnaro / e mi son disocupà.”
Eco parcossa el me umore el canbia in mèjo al solo nominar sto mese de marzo: mi me sento za siora co la me fantasia!

[torna sopra]

 

Archivio
2017 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1  
Otobre
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Setenbre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Genaro
Dissenbre
Novenbre
Otobre
Lujo-Agosto
Giugno
Majo
Aprile
Marso
Febraro
Editoriale
Leggi l'articolo La dona: sale de la tera e luce del mondo
Quelo che dovarìssimo èssare tuti a sto mondo, pare che solo la dona la sia cussì e solo ela la gabia ricevù sto dono e sto cònpito: darghe gusto a l’inpasto de la vita e rónpare le tènebre de l’umanità con la so luce. Ma a che prezo!
de Mario Sileno Klein
 
Su la via de le spessie
Leggi l'articolo El zaferano
Se dize che ’l sia oro robà.
de Luigi Frosi
 
Da la Marca
Leggi l'articolo Ricordo de Simon Benetton
de Emanuele Bellò
 
Da Mestre-Venezia
Leggi l'articolo La seconda lingua
de Annalisa Pasqualetto Brugin
 
Da Gavello (RO)
Leggi l'articolo Che la piasa, che la tasa, che la staga in casa
de Gianni Sparapan
 
Da la Bassa Veronese
Leggi l'articolo Mato come marzo…
de Lucia Beltrame Menini